Dicembre 2021

TERMINILLO

A VILLA ROSINA I PRIMI SEI OSPITI PROVENIENTI DALL'OSPEDALE ‘BAMBINO GESÙ"

salute, solidarietà

La neve nel bosco, l’albero di Natale con i regali pronti, il fuoco acceso, una tazza di cioccolata calda: così venerdì pomeriggio Villa Rosina ha accolto il primo gruppo di ospiti, in arrivo dal Bambin Gesù di Roma: sei adolescenti tra i 13 e i 18 anni originari di Lazio, Calabria e Campania, che si sono incontrati e conosciuti nel reparto di Oncoematologia dell’ospedale pediatrico romano e che grazie al progetto promosso dalla Fondazione Varrone hanno avuto la possibilità di passare tre giorni insieme in montagna, a respirare amicizia e normalità. “Il momento più duro? I saluti: è stata un’esperienza forte e bellissima per tutti. I ragazzi vorrebbero tornare”, dice Stefania Marinetti, che insieme a un piccolo gruppo di volontari della Mensa di Santa Chiara ha provveduto all’accoglienza. Fondamentale è stata anche l’assistenza garantita dal Bambino Gesù, con il professor Franco Locatelli che a distanza ha seguito l’andamento del soggiorno e ha ringraziato il personale che ha accompagnato i ragazzi: il caposala Italo, Patrizia, infermiera e assistente ludica, e Andrea, psicologo. Nei tre giorni di permanenza le condizioni meteorologiche non hanno consentito di fare attività all’aperto, ma per i ragazzi poter essere insieme ed essere a casa a chiacchierare, giocare, mangiare è stata un’esperienza bellissima. A supportare il gruppo negli spostamenti – resi particolarmente difficili dalla neve e dal ghiaccio – sono stati gli agenti della Polizia di Stato in servizio al Terminillo. Ma il progetto può contare su un’ampia rete di collaborazione, tanto forte è stata la condivisione che ha suscitato nella comunità terminillese e reatina.

12_12_21

condividi su: