Giugno 2022

SISMA

VILLA REATINA, CRICCHI "PER LA PRIMA VOLTA SI DEMOLISCONO E RICOSTRUISCONO 4 EDIFICI"

ricostruzione

“Oggi ha preso avvio un cantiere della Ricostruzione post sisma 2016 che riguarda la demolizione e ricostruzione di 40 alloggi e che quindi interessa 40 nuclei familiari - ha detto nel suo intervento il presidente dell’Ater di Rieti, Giancarlo Cricchi, durante l’apertura del cantiere di demolizione/ricostruzione delle palazzine ex IACP di Villa Reatina - Si è iniziato con la demolizione della prima delle quattro palazzine ex Iacp ed a seguire le altre.

Come Ater ormai siamo proprietari di pochi alloggi ma ho voluto portare avanti questa iniziativa perché credo sia giusto testimoniare la rilevanza di questi interventi ed anche il fatto che credo sia la prima volta che a Rieti nell'ambito della Ricostruzione si demoliscono e ricostruiscono 4 edifici. 

Ma la cosa più importante credo sia che i proprietari come gli assegnatari potranno tornare ad abitare in edifici di gran lunga più sicuri di questi costruiti alla fine degli anni '60. Questo lo dobbiamo anche all’attenzione che l’ATER ed il sottoscritto hanno prestato a questi edifici che voglio ricordare non avevano almeno due un Esito Aedes. E poi sono risultati tutti con danno grave alle strutture.

Rispetto al disastro provocato dal Sisma nei territori di Amatrice ed Accumoli qui siamo stati più fortunati perché il danno ha riguardato solo gli edifici

L'eccezionale terremoto ad Amatrice, a piazza Sagnotti ha provocato il crollo di due palazzine ex-iacp. Erano edifici non tanto diversi da questi per tipologia costruttiva, epoca di costruzione, norme tecniche per la costruzione, completamente diverse da quelle di oggi.

Sotto quelle macerie hanno perso la vita 18 persone e credo che anche oggi sia importante ricordarle

 Le norme della Ricostruzione permetteranno di rientrare in edifici più sicuri dal punto di antisismico e più efficienti dal punto di vista energetico.

Di questa possibilità dobbiamo dare atto ai Governi, al Parlamento per i poteri che hanno conferito al Commissario Straordinario ed alla Regione Lazio in tema di Ricostruzione.

Voglio ringraziare i decisori politici, il Commissario Legnini ed il presidente Zingaretti perché hanno saputo cogliere moltissime istanze che venivano da più parti per rendere i procedimenti più agevoli e che hanno reso possibile accelerare la Ricostruzione.

 Anche la decisione politica di ammettere ad agevolazione fiscale i lavori che dovevano andare in accollo e quindi a carico dei proprietari è stata fondamentale. Senza Superbonus 110 applicato alla Ricostruzione qui non sarebbe stato possibile pensare una soluzione definitiva come questa della demolizione e ricostruzione. 

 Penso tuttavia che a parte questo sistema di Regole, occorre comunque il massimo impegno da parte di tutti noi. Tutte le Amministrazioni pubbliche, i committenti, i professionisti, le imprese, i fornitori, le banche, tutti questi attori della Ricostruzione devono affrontare con il massimo impegno le proprie competenze. Solo così si arriva all'avvio ed alla conclusione dei lavori. 

Voglio ringraziare, anche a nome del CdA, le persone che collaborano nel nostro piccolo Ater, e che, grazie agli importanti finanziamenti assentiti dalla Regione Lazio, sono impegnati a portare avanti tanti interventi sul nostro patrimonio edilizio.

Voglio ringraziare in particolare l'USR Lazio perché a tutti i livelli si trova sempre disponibilità all'ascolto ed alla risoluzione dei problemi. Ringrazio anche il Comune di Rieti perché ha messo a disposizione un'area libera adiacente al lotto che garantirà un altro accesso al cantiere e quindi maggiore sicurezza.

Questo cantiere non è un cantiere facile e quindi ho chiesto il massimo impegno alle ditte esecutrici sulle procedure di sicurezza nel cantiere ed a tutti i lavoratori nel prestare la massima attenzione durante le attività di lavoro.

Immagino che il cantiere arrecherà qualche disturbo ai cittadini di Villa Reatina quindi chiedo anche a loro di avere un po' di pazienza ma in questi casi qualche fastidio non si potrà evitare.”

06_06_22

Nella foto da sx il consigliere regionale Fabio Refrigeri, l’assessore regionale alla Ricostruzione, Claudio Di Berardino, e il presidente ATER Rieti Giancarlo Cricchi

condividi su: