Settembre 2021

EVENTI E MANIFESTAZIONI

UN FINALE ‘FAVOLOSO’ PER LIBERI SULLA CARTA 2021

liberi sulla carta

‘I favolosi’ era il titolo dell’ultimo appuntamento di questa edizione di Liberi sulla Carta, fiera dell’editoria indipendente, necessariamente in forma ridotta per garantire il rispetto delle norme anti Covid-19.

Protagonista una coppia anomala: lui deborda, lei contiene, lui esagera, lei ricompone, lui incalza, lei rallenta. Una coppia dall’esistenza piuttosto breve nella vita privata (non stiamo facendo gossip, è stato lui a rivelarlo alla platea in maniera piuttosto esplicita! “Vedete questa donna qui, non potete capire cos’era a 18 anni…”) dall’abbinamento perfetto però sul palco. Alessandro Haber e Giuliana De Sio hanno tenuto banco domenica, nella serata finale di Liberi sulla Carta, con la complicità di un trio musicale formato da tre maestri come Gianluca Mirra alla batteria, Mario Nappi al piano e Luigi Sigillo al basso, con la partecipazione a sorpresa di Marco Zurzolo al sassofono, compositore, direttore e arrangiatore del mondo musicale italiano: interventi non di contorno ma parte integrante dell’evento stesso.  Haber tuona con il suo vocione ben impostato: interpreta i vari personaggi delle fiabe di Basile non tralasciando commenti a margine alquanto coloriti; la De Sio lascia decidere al pubblico la versione strong o la light di quella lingua partenopea che, da lei interpretata con naturalezza, fa già spettacolo. “E se non capite basterà alzare la mano ed io procederò con la traduzione” ma i presenti sono tipi tosti ed assimilano anche semplicemente il senso del dialetto stretto per il quale hanno optato. Fiabe lontane dalla nostra conoscenza: racconti fantastici ma anche duri, sboccati, a tratti anche cupi e osceni ma sempre conditi con sarcasmo. La serata corre via veloce, sempre troppo lentamente per Alessandro Haber che sembra patire molto il freddo e vorrebbe correre al ristorante (“sicuri lo troveremo ancora aperto?”) mentre la sua partner mostra una gran voglia di rimanere ad esibirsi tradizionalmente davanti ad un pubblico ‘vero’ (“Mai più sedie vuote, mai più!”). Quindi al termine della parte dedicata a queste storie surreali della tradizione italiana, sebbene senza un sipario da cui uscire e riapparire, arriva il ‘bis fai da te’ con un’appendice dedicata non più alle fiabe ‘scostumate’ ma ad alcune canzoni. Haber sceglie di declamare ‘La valigia dell’attore’ brano appositamente scritto per lui da De Gregori, la De Sio per la prima volta in questo spettacolo si esibisce in prove canore (in famiglia c’è Teresa a farlo da tempo), rimanendo comunque legata alle radici e pescando brani della tradizione napoletana. Finale mozzato dell’ultima esibizione con un Haber che balza infine giù dal palco mentre l’attrice continuerebbe ad oltranza, davanti al pubblico in piedi ad applaudirli. Applausi per tutti e soprattutto a questa manifestazione che riesce ogni volta a stupire regalando alla Città momenti belli come questi.

condividi su: