Maggio 2024

REGIONE

SISMA, REGIONE: 800 MILA EURO PER CONTRIBUTO ENERGETICO A FAVORE DI 233 IMPRESE DEL CRATERE

regione, sisma

La Regione Lazio, grazie all’avviso pubblico del “Contributo energetico una tantum a favore delle imprese operanti nei comuni del Lazio maggiormente colpiti dagli eventi sismici del 2016”, ha dato la possibilità di destinare la concessione di un contributo energetico alle micro, piccole e medie imprese operative nei Comuni del Lazio colpiti dagli eventi sismici del 2016.

Le risorse complessive, pari a 800 mila euro, consentiranno alle imprese di contenere gli effetti degli aumenti dei prezzi del settore elettrico. Il contributo sarà erogato una sola volta, in corrispondenza dello scaglione relativo alla potenza impegnata dal contratto di fornitura.

Dopo che il Direttore dell’Ufficio speciale per la Ricostruzione del Lazio ha approvato l’elenco dei soggetti ammessi al beneficio e dei soggetti non ammessi, risultano 233 imprese beneficiarie del contributo nei comuni di Accumoli, Amatrice, Borbona, Cittareale, Leonessa e Posta con un importo pari a 458 mila euro.

Quindi, vista la possibilità di ulteriori risorse pari a 342 mila euro, la Regione Lazio nei prossimi mesi, con l’attivazione di un nuovo bando, estenderà i contributi alle micro, piccole e medie imprese che operano nei restanti comune dell’area del Cratere del sisma 2016.

"Una promessa mantenuta verso le imprese del cratere che, in questi mesi, attraverso il confronto e la partecipazione, hanno contribuito al raggiungimento di questo importante risultato" lo dichiara l’assessore ai Lavori pubblici, alle Politiche di ricostruzione, alla Viabilità e alle Infrastrutture della Regione Lazio, Manuela Rinaldi. Parliamo di un gesto necessario e utile per restare al fianco di questi territori con azioni reali. Per questo ringrazio LazioCrea, i tecnici dell’Ufficio speciale per la ricostruzione del Lazio e il sindaco di Amatrice Giorgio Cortellesi, che con attenzione hanno seguito lo sviluppo dell’iter per raggiungere un risultato che le imprese aspettavano da tempo".

8_5_24

condividi su: