Luglio 2024

SANITÀ, PAOLUCCI (UIL) "REGIONE MODIFICHI ATTO AZIENDALE DELLA ASL DI RIETI"

sanità

“La Direzione Aziendale tace, ma noi non ci stanchiamo di affermare che l’atto aziendale della Asl di Rieti va profondamente rivisto”. Lo dice Alberto Paolucci, Segretario generale della Uil di Rieti e della Sabina romana.

“Abbiamo già sottolineato le criticità del documento presentato dal commissario straordinario - ricorda Paolucci - Adesso però da una ulteriore analisi sottolineiamo ulteriori problematiche. Partiamo con la clinicizzazione, un processo che accogliamo favorevolmente ma non nella forma avventata e posticcia proposta. Non si ravvede la necessità di sdoppiare la direzione di ben 9 UOC e una UOSD. Un tale sdoppiamento porterebbe all’incremento ingiustificato della spesa pubblica, inutili conflittualità e disordine assistenziale. Avrebbe molto più senso clinicizzare unità operative ove sono assenti le figure apicali e che versano realmente in condizioni di gravi difficoltà. E’ anche da tenere presente che la clinicizzazione di una unità operativa porta con sé inevitabilmente l’impossibilità di ambire a ruoli apicali per i dirigenti attualmente in servizio, i quali verrebbero così spinti a lasciare l’ospedale di Rieti. In sostanza, la clinicizzazione è un’ottima risorsa, ma potrebbe diventare un boomerang per la nostra Asl se mal gestita. E l’esperienza miseramente fallita della Asl di Latina sta lì a dimostrare quanto sosteniamo”.

“Abbiamo già affrontato il tema del fiorire di UOSD, talune illegittime ai sensi del DM70/2015 e prive di buon senso organizzativo, in particolare l’Emodinamica o ingiustificabili per i volumi di lavoro, come la UOSD di Chirurgia Oncologica - aggiunge Paolucci - Verrebbero persino istituite anche due ulteriori UOSD (Pneumologia Interventistica e Medicina dello Sport), prive di personale, le quali sembrerebbero create ad hoc più per dinamiche politiche che per reale necessità operativa. Quella di Medicina dello Sport, ad esempio, non sembra proprio trovare alcuna giustificazione, nè economica, nè assistenziale e tale specialità andrebbe a nostro giudizio probabilmente inquadrata in maniera diversa”.

“Non mancano le perplessità circa la creazione del Dipartimento interaziendale del Farmaco con le Aziende Sant'Andrea e Policlinico Umberto I. entrambe non corrispondenti al quadrante del nostro territorio e con vocazione giuridica diversa - continua il sindacalista - Un dipartimento interaziendale  che poggerebbe sull’area ospedaliera quando in realtà dovrebbe essere trasversale occupandosi sia dell’ospedale che del territorio, dove la farmacia della Asl di Rieti dovrebbe assumere un ruolo strategico all’interno di quel non meglio precisato Dipartimento interaziendale. Una struttura cosi concepita non avrebbe ragione funzionale se non quella di destrutturare un servizio attualmente performante”.

“Continuiamo a non rintracciare in questo documento - conclude Paolucci - i principi di efficienza ed economicità che dovrebbero ispirare un atto così strategico per il funzionamento della nostra Asl. Per questo chiediamo al presidente della Regione Rocca e al Dottor Urbani, Direttore della Direzione Salute, uno scatto d’orgoglio che si concretizzi in una immediata e profonda revisione dell’Atto aziendale, perché al momento questo documento appare troppo condizionato da aspetti politici locali, al costo di un aumento ingiustificato della spesa pubblica e foriero di inutili conflittualità e ridotta efficienza gestionale. Senza dimenticare infine che non rintracciamo alcun riferimento in merito alla realizzazione del nuovo nosocomio che dovrebbe sostituire il De Lellis, una struttura attualmente funzionante in una zona a elevata criticità sismica”. 

10_07_2024
 
 
 


condividi su: