Maggio 2019

SPORT

PLAY THE GAMES: CHE LEZIONE! GRAZIE RAGAZZI!

atletica

Una bellissima lezione di vita. Bastava essere al campo ‘Raul Guidobaldi’ in questo fine settimana per capire quanto questi ragazzi abbiano  da insegnarci. L’ostinazione, il coraggio, l’allegria con cui gareggiano, senza preoccuparsi più di tanto del risultato finale che svanisce nel giro di due braccia alzate al cielo, di una medaglia troppo lunga da attendere, come nel caso di Matteo scalpitante alla premiazione. 

Tante gare, tante categorie, tanti risultati che non stiamo qui a riportare perché sarebbe riduttivo per descrivere quello, che per tanti atleti, è il giorno magico, il giorno della partecipazione, della sfida, dell'agonismo e sì, per alcuni, della ‘singola’ vittoria ma per tutti invece della vittoria ‘dello sport’, dei ragazzi, dei loro genitori, dei loro istruttori. Un mondo sportivo puro, di sentimenti che vanno oltre la vittoria e dietro ai quali, come sempre, c'è il sacrificio di pochi o di molti, l'amore, la forza, la pazienza! Ma il viso e il corpo di questi ragazzi che esprimono, senza filtri, il loro entusiasmo, ripaga, ti stimola, ti gratifica, insegna.

Nella pista dei record, ogni Atleta Special Olympics ha inseguito il suo primato con gioia. I Play the Games Special  Olympics di Atletica hanno regalato il solito, grande entusiasmo e lo stadio Guidobaldi-Milardi non ha tradito le aspettative, accogliendo 200 Atleti di 24 team provenienti da Lazio, Umbria e Abruzzo. Rieti ha dimostrato ancora una volta la sua apertura allo sport inclusivo, facendo quadrato con le istituzioni e gli enti che hanno sostenuto l’organizzazione di questi giochi, uno dei 28 appuntamenti organizzati nel 2019 in sostituzione del grande evento dei Giochi nazionali, che tornerà nel 2020 a Varese.

A stupire è la determinazione, l’impegno e la sportività di tutti i partecipanti nelle gare in pista e sulle pedane: una vetrina per lo sport che unisce e che offre opportunità a tutti i livelli di abilità: dai 10 metri assistiti fino ai 5000 metri, dal lancio della pallina al salto in alto, dalle prove dei veterani, come il reatino Moreno Rinaldi, classe 1971, ai piccolissimi del programma Young Athletes che durante l’emozionante cerimonia di apertura hanno dimostrato l’importanza di un avvio precoce all’attività motoria unificata, già nella scuola dell’infanzia. I due team di casa: Atletica Sport Terapia Rieti e Sportinsieme Fara Sabina hanno fatto gli onori di casa ed hanno portato tanti Atleti in gara, mettendo in luce tutti i valori più sani dello sport, compreso la voglia di stare insieme che ha unito tutti in un grande pane e cioccolata party, tra una corsa e un lancio. La festa tenuta nel pistino dello stadio, sabato sera, ha permesso a tanti iscritti e alle loro famiglie di vivere quel divertimento che non può mancare in ogni manifestazione di Special Olympics, festeggiando tutte le medaglie vinte.

Da rimarcare la presenza di tanti (circa 200) volontari, di cui 150 formati in quattro istituti superiori reatini, anche grazie al supporto dell'Ufficio scolastico locale, a concretizzare una delle più grandi eredità che questi giochi lasceranno, affinché lo sport contribuisca a costruire una società più aperta e giusta nei confronti di tutti.

Ai Play the Games hanno partecipato: Eta Beta Sorrisi che nuotano Viterbo, Forza 4, I. I. S. C. A. Terni, Il Cerchio, La Lepre e la Tartaruga, Liberi di Fare Sport, Libertas Valmontone, Nuova Era Latina, Soprtinsieme Fara Sabina, Star Games, Team Sport Abruzzo, Tutti in Gioco Terni, + Vista Med Sport, Anffas Cisterna, Asd Activity Sport Now, Asd Con Noi, Asd Roma 12, Atletica Sport Terapia Rieti, Atletica Tarsina, Circolo Canottieri Tevere Remo, Chiamateci per nome, Coop Stadion, Diaphorà, Esperimento.

Il comitato organizzatore guidato da Maurizio De Marco e il team provinciale di Special Olympics con Enrico Faraglia ringraziano le istituzioni che hanno supportato l'organizzazione dell'evento: dalla Regione Lazio a tutti gli enti locali (Comune, Provincia), rimarcando l'importante contributo della Fondazione Varrone Cassa di Risparmio e il sostegno di Cat Confcommercio Rieti, Federalberghi Rieti, Rotary Club Rieti, Unindustria e Fonte Cottorella.

 

Suggeriamo di scoprire i tanti contenuti sui Play the games disponibili in tutti i canali social di Special Olympics Team Lazio: Facebook (SoiLazio), Instagram (specialolympics_teamlazio) e Twitter (@SOILazio).

condividi su: