Luglio 2022

ORDINE DEGLI INGEGNERI, INSEDIATO IL NUOVO CONSIGLIO PRESIDENTE LIA TOZZI

amministrazione, lavoro, persone

Insediato il nuovo Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rieti, il Presidente è l’Ingegner Lia Tozzi.

A seguito delle elezioni di giugno tenutesi per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri per il quadriennio 2022/2026, lo scorso 04 Luglio si è insediato il nuovo Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rieti

Il nuovo Presidente è Lia Tozzi e il Consiglio è così composto: Vice Presidente Fabrizio Panfilo, Segretario Alessia Ubaldi, Tesoriere Massimo Simeoni, Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza (RPCT) Francesca Martini. Gli altri componenti del Consiglio sono Emanuele Coronetta, Giuliana Ferramosche, Federico Focaroli, Ermanno Giuliano, Fabrizio Mercuri, Irene Tocca.

“Sono molto onorata e felice di ricoprire il ruolo di Presidente dell’Ordine – dichiara Lia Tozzi – in una squadra che si è dimostrata fin da subito equilibrata e orientata al raggiungimento di obiettivi comuni.

Ringrazio innanzitutto, a nome del Consiglio neo eletto, tutti i colleghi che hanno sostenuto la nostra candidatura per la stima e la fiducia dimostrata e per l’occasione professionale che ci è stata offerta. Non posso non menzionare e ringraziare fra questi il consiglio uscente e, in particolare il suo Presidente Vitaliano Pascasi, per la professionalità, l’attenzione e la proattività dimostrata nelle scelte e nelle molteplici e significative attività promosse. L’attenzione agli iscritti e la serietà nella gestione sono testimoniate dai risultati ottenuti nella gestione dell’Ordine e nella credibilità che lo stesso ha presso gli Enti e i partner istituzionali, ma è doveroso menzionare anche l’attenzione al sociale che lo ha contraddistinto durante i suoi mandati. È infatti soprattutto grazie al suo impegno, che hanno avuto vita i progetti condivisi con la Federazione degli Ordini degli Ingegneri del Lazio relativi alla gestione delle emergenze legate al COVID-19 in RSA, in cui ho avuto il piacere e l’onore di collaborare.

Il nuovo Consiglio con cui opererò riceve un’eredità importante, consolidata anche in contesti emergenziali, che ci impegneremo a mettere a frutto con l’intento di far crescere ulteriormente l’operatività e l’attrattiva del nostro Ordine nei diversi contesti in cui opera, primo fra tutti quello cittadino. Lavoreremo in continuità con l’ottimo lavoro svolto dal Consiglio uscente, tenendo fermi gli obiettivi dell’equità, della parità di genere, dell’attenzione alle esigenze dei giovani ingegneri e a chiunque abbia bisogno del nostro supporto. La promozione dei lavori delle Commissioni, della formazione e della crescita professionale, unitamente alla promozione del ruolo e delle necessità dell’ingegnere, saranno il motore per il nostro Consiglio orientato all’ascolto, alla partecipazione, e finalizzato a dar vita ad un’organizzazione della quale tutti gli iscritti condividano il senso e le finalità e di cui possano, soprattutto, essere e sentirsi parte attiva.

Molti sono i progetti in campo e molti gli impegni istituzionali a cui dovremo fare fronte, come per esempio nell’ambito delle attività di ricostruzione post-sisma, ambito nel quale siamo protagonisti e interpreti principali. In un contesto in veloce mutazione caratterizzato da tanti rischi, insieme e con il supporto di tutti gli iscritti, cercheremo di concretizzare i risultati di un approccio resiliente e di sviluppare nuove opportunità, rendendo il ruolo dell’ingegnere sempre più riconosciuto e punto di riferimento per tutta la nostra collettività.

Voglio ringraziare infine, a nome mio e del Consiglio, i componenti del seggio elettorale, gli scrutatori e la segreteria per l’impegno e la serietà con cui hanno garantito ed assicurato la regolarità delle procedure elettorali e, soprattutto, invitare tutti i nostri colleghi a costruire con noi il percorso che ci attende.”

condividi su:
EMIGRANDO TRA VECCHIO E NUOVO MONDO
amministrazione, digitalizzazione, impresa