Febbraio 2024

NPC

NPC: FATEVI BENEDIRE

basket

di Luigi Ricci - Sono state una bella illusione le 3 vittorie consecutive arrivate dopo l’innesto a metà dicembre di un Terrence Roderick sì e no al 50 per cento della forma ma comunque capace di segnare 23 punti di media aggiungendo 10 rimbalzi e 6 assist  rigenerando una squadra obiettivamente mediocre, ma soprattutto moltiplicando il rendimento dei compagni, alcuni dei quali letteralmente trasformatisi da anatroccoli in cigni, al punto di sognare una prodigiosa rimonta che permettesse alla Npc di scalare la classifica dai bassifondi fino a provare ad agguantare un 8° o perfino un 7° posto per i playoff. Purtroppo il sogno non è durato molto a causa dell’infortunio a una gamba di Roderick, la cui data di rientro è tutta da verificare, e che ha comportato la riattivazione dell’argentino Cavallero che proprio l’atleta a stelle e strisce aveva rimpiazzato.

Il problema è che quella di Roderick è stata la terza defezione dopo quelle di Agostini - che ha lasciato Rieti per problemi personali ma che dopo poco più di due ristà cercando squadra... - sostituito da Cusenza, infortunatosi però a un tendine d’Achille, a sua volta rimpiazzato da Zucca, mentre nelle ultime partite è mancato per infortunio pure Kassar, ora rientrato.

Tutta questa serie di sventure è costata 3 sconfitte consecutive, una vittoria a Desio - 15^ davanti alla Npc 14^ - e un’altra sconfitta ad Avellino, pare che gli arbitri ci abbiano messo del loro, che inevitabilmente hanno infranto i sogni della miracolosa rimonta, possibile solo con Roderick vivo e vegeto.

Va però detto che in questo frangente la squadra allenata dall’ottimo Francesco Ponticiello, il quale forse a fine stagione avrà imparato a moltiplicare i pani e i pesci, ha dato segni di ripresa e di maggiore combattività al punto di dare l’impressione di poter lottare quanto meno per evitare i playout - bisogna arrivare almeno al 13° posto su 18 - obiettivo più che mai alla portata se Roderick si riprenderà come si spera.

Detto ciò vengono spontanee due osservazioni. La prima è che, vista la sequela di infortuni, il presidente Giuseppe Cattani dovrebbe portare la squadra a farsi benedire: i santuari del resto a Rieti non mancano al punto che un bel “tour” completo non guasterebbe. La seconda osservazione è meno peregrina ed è la seguente. Sin da inizio stagione si sapeva che la Npc, in piena ricostruzione dopo la batosta della seconda retrocessione in serie B in 3 anni, avrebbe stentato, essendo stata costruita in economia e con giocatori di scelta “bassa” come direbbero in Nba. Alla prova dei fatti la squadra si è rivelata debole e per puntellarla, tra innesti tecnici e quelli forzati da infortuni, sono stati ruotati 3 giocatori - Cusenza, Roderick e Zucca - di qualità superiore a quelli già presenti, dimostrando che, se costretti, i mezzi per investire sono stati trovati.

Perciò ci si chiede: perché non compiere almeno una parte di quegli sforzi economici in estate e presentarsi subito con una squadra un po’ più competitiva evitandosi i successivi affanni? Anche perché questa politica, già praticata in passato, non ha mai prodotto buoni risultati. Per cui se errare è umano... continuate voi.

da Format gen-feb 2024

condividi su: