Luglio 2021

MEZZETTI "PISTA CICLABILE: QUALCHE DOMANDA"

città, politica

"Sembra che le strisce della pista ciclabile che conducono verso l'albero siano state cancellate.
Errore umano. Può essere - osserva Alessandro Mezzetti, capogruppo del gruppo consiliare Partito Democratico  - Ciò che però non viene compreso è la totale e illogica scelta di disegnare questi nuovi tratti con una larghezza non conforme e con una velocità di esecuzione che può lasciare spazio all'immaginazione. 
Nella logica di fare qualcosa piuttosto che niente con misere scuse che chi critica sono sempre gli stessi politicamente avversi vorrei sommessamente che mi si spiegasse :
1) per essere definita pista ciclabile servono dei criteri. Perché non sono stati adottati restringendo le misure ?
2) per fare una pista ciclabile abbiamo capito che basta colorare di vernice rossa in marciapiede. Almeno nel 2021 a Rieti è così;
3) perché deturpare le passeggiate di viale Maraini e viale de Juliis (con pista ciclabile interrotta da rotatorie) uno dei pochi viali con misure da città invece che paese.
4) perché se all'aeroporto c'era lo spazio avete comunque fatto una pista che se si incontrano due biciclette uno si deve fermare altrimenti cade;
Infine, di pista ciclabile "nobile e ben pensata" a Rieti ce n'era una già esistente e se si voleva fare un servizio utile alla collettività era forse quello di illuminarla e renderla sicura e fruibile anche nelle ore più buie.
Nei giorni prossimi e nelle sedi opportune chiederò chiarimenti sperando che stavolta qualcuno mi spiegherà serenamente le motivazioni di queste scelte progettuali/politiche .
Il problema è la visione che non c'è."

17_07_21

condividi su: