Agosto 2021

SISMA

“ANDARE OLTRE”… PIENO DI SEMI OLTRE LE PIETRE

Le iniziative a 5 anni dal terremoto

eventi

In occasione del quinto anniversario del sisma che colpì l’Italia centrale nell’agosto 2016, vi segnaliamo alcune delle diverse iniziative in programma.

La veglia del 23 sera  avverrà, nel rispetto delle volontà delle famiglie delle vittime, in forma strettamente riservata e senza presenza della stampa.

Il premier Mario Draghi prenderà parte alla S. Messa del 24 mattina alle 11.00, che sarà celebrata dal Vescovo di Rieti Mons. Pompili  e sarà trasmessa in diretta dalla RAI. 

Durante la commemorazione delle vittime del sisma si ricorderà insieme a tutti gli altri Filippo Sanna, uno dei tanti giovani che persero la vita quel 24 Agosto di 5 anni fa. Saranno presenti i genitori di Filippo che in questi cinque anni hanno trasformato in azione il dolore e si sono battuti strenuamente per l’ottenimento del Fondo per i familiari delle vittime che, si spera, possa vedere la luce entro la fine dell’anno.

Prosegue la mostra “Di pietre e di semi. Viaggio nella rinascita di un territorio” - 120 fotografie un tempo pieno di pietre - quelle delle macerie dei muri crollati ma anche delle rocce delle montagne eterne, sottofondo costante nella vita quotidiana; e pieno di semi - tutti coloro che hanno continuato a prendersi cura della propria terra: ragazze e ragazzi, donne e uomini, anziani e bambini. Pietre e semi che insieme ricostruiscono una memoria, che deve rimanere indelebile, e allo stesso tempo orientano chi guarda avanti con una nuova speranza e un certo ottimismo. La mostra (24 luglio-5 settembre 2021 Amatrice e Accumoli)  curata da Giulia Ticozzi, è realizzata in collaborazione con Regione Lazio e Lazio Crea e con il patrocinio dei comuni di Amatrice e di Accumoli. Dall’agosto del 2016 il collettivo di fotografi TerraProject - Michele Borzoni, Simone Donati, Pietro Paolini, Rocco Rorandelli - ha attraversato i luoghi del terremoto, da Amatrice ad Accumoli nel Lazio, fino ai comuni delle Marche e le frazioni circostanti, seguendo e documentando tutte le fasi di un percorso difficile e coraggioso di ritorno alla vita. Il progetto è iniziato da una committenza fotografica del quotidiano La Repubblica - un servizio fotografico al mese, per un anno - con l’obiettivo di non limitarsi a fissare gli attimi dopo la tragedia ma con l’intenzione di “rimanere”. E il tempo di rimanere è diventato 5 anni di lavoro, oltre 5 mila scatti, un archivio fotografico, una memoria storica, una mostra. Un tempo di ricerca lungo che ha permesso di osservare con attenzione le storie delle persone sul territorio, una narrazione lontana dal clamore dei primi giorni e vicina a chi ha scelto di resistere.

 In un libro dal titolo ANDARE OLTRE è stata racchiusa l'azione della Chiesa nei luoghi del terremoto.

Non un semplice elenco su “cosa”, “come”, “quando” e “quanto” fatto. Soprattutto si guarda al “perché”, in questo libro-documento voluto dalla Diocesi di Rieti, volendo far emergere il senso ultimo di un’azione ininterrotta, di come sia possibile essere “prossimi” non solo nell’immediato, ma anche nel medio e lungo periodo. Questo racconto, condensato in un volume illustrato di 164 pagine, è stato già presentato da mons. Pompili in diversi appuntamenti sul territorio

Intanto arriva l'esortazione di Sergio Pirozzi, ex sindaco di Amatrice ed attuale consigliere regionale e Responsabile nazionale per le emergenze e grandi rischi di Fratelli d'Italia' a vigilare su soggetti che possono alimentare, per conto di organizzazioni criminali, operazioni speculative verso i proprietari di immobili potenzialmente destinatari dei contributi per la ricostruzione. ''La decisione di Legnini di confermare la norma che consente, senza alcun vincolo di tempo, la vendita di immobili danneggiati dal sisma ed oggetto di contributi per i relativi interventi di ricostruzione, ristrutturazione e messa in sicurezza, ha di fatto creato le condizioni per azioni speculative che potrebbero anche nascondere attività riconducibili a gruppi criminali. Ora che la ricostruzione privata sta finalmente avendo una accelerata ( mai troppo tardi) il rischio denunciato all'epoca sta diventando purtroppo realta'".

condividi su: