Dicembre 2022

NPC

LA KIENERGIA PERDE IN TRASFERTA A MILANO

basket

La Kienergia ci prova fino all’ultimo ma esce sconfitta dal PalaDesio. Troppo alte le percentuali di una Milano imbottita di talento che dal perimetro ha fatto malissimo. 

Geist dal primo minuto per Ceccarelli anche se non al top, ancora tribuna per Rotondo. La tripla di Tucker apre le danze, Tortù lo imita ed è 5 a 0. Milano non si scompone nonostante il cambio sistematico attuato dalla difesa di Rieti e colpisce con un Hill devastante in allentamento. Bello il duello a stelle e strisce sotto ai tabelloni, si resta sul filo dell’equilibrio, poi Potts sale in cattedra. Canestri da campione e Milano che chiude avanti 25 a 19 i primi 10. Ancora una partenza forte di quarto per i padroni di casa, Rieti però si riavvicina sfiorando un possesso di distanza. Potts però è un fenomeno ( saranno 16 nei primi 20 minuti di gioco). Il bel canestro di Tucker fissa lo score finale sul -11 Kienergia al termine dei primi due quarti di gioco. 

L’inerzia cambia nel terzo parziale, la difesa si chiude e i ragazzi di Ceccarelli addirittura in nemmeno tre minuti si riportano a -2 piazzando un devastante 9 a 0 di break, che diventa poi 11 a 0 con i liberi di Geist. Parità 44 pari. La rottura è prolungata, e la Kienergia addirittura si porta avanti. Poi Pullazi con due triple di fila riporta i suoi sul +4. Amato e Montano firmano di nuovo il +10. Il terzo quarto si chiude 66 a 56. Finita? Manco per idea, perché Rieti piazza nuovamente un 13 a 2 di parziale e torna anche a contatto grazie alla tripla di Nonkovic. Poi però sale in cattedra Potts, rientrato dopo la lunga sosta in panchina a causa dei falli che da campione la reindirizza sui binari di Milano. Rieti ci prova fino alla fine, ma deve arrendersi al talento ed alle percentuali di Milano. Termina 93 a 83. 

PARZIALI: 25-19;44-33;66-56

Npc Rieti: Del Testa 2, Tortù 17, Timperi 9, Zugno 11, Nonkovic 7, Marchiaro, Maglietti, Jhon, Geist 13, Bonacini 4, Tucker 20, Feliciangeli ne all Ceccarelli

Coach Ceccarelli al termine della sfida, è comunque soddisfatto:“Una sconfitta amara perché ci siamo ritrovati a livello offensivo. Abbiamo mosso la palla, ci siamo cercati. 83 punti segnati pur tirando col 28% da tre punti, secondo me oggi solo una grandissima Urania con percentuali pazzesche poteva batterci. Grande orgoglio per questa squadra che ci sta provando in tutti i modi, con le buone, con le cattive. Non è un bel momento ma ne usciremo tutti insieme ne sono convinto“

03_12_22

condividi su: