Giugno 2024

TEATRO

FLIPT, LA SECONDA SETTIMANA: LABORATORI CON KEIN YOSHIMURA E PINO DI BUDUO

teatro

Dal 1 al 7 Luglio a Fara in Sabina (Rieti) entriamo nella seconda settimana del FLIPT - Festival Laboratorio Interculturale di Pratiche Teatrali del Teatro Potlach, diretto da Pino Di Buduo, che ha il sostegno della Regione Lazio e della Fondazione Varrone, e il patrocinio della Provincia di Rieti e del Comune di Fara Sabina, e che si concluderà sabato 6 e domenica 7 luglio con il grande spettacolo “Città invisibili”.

Direttamente dal Giappone la grande interprete di “Kamigata-mai”, danza tradizionale giapponese, Keiin Yoshimura terrà dal 1 al 4 luglio un laboratorio proprio su questa meravigliosa disciplina orientale. Una grande maestra di molte discipline giapponesi, come il teatro Noh, canti tradizionali e arti marziali. Un modo diverso di concepire lo spazio, quasi opposto a quello occidentale. Le sue lezioni si alterneranno al laboratorio “Site specific work” di Pino di Buduo, direttore artistico del Teatro Potlach e del FLIPT. Un grande lavoro con obiettivo la messa in scena di “Città invisibili”, spettacolo interdisciplinare e multimediale, sulla trasformazione degli ambienti quotidiani grazie a proiezioni, teli giganti, luci, musica, teatro, danza e molto altro. I partecipanti al laboratorio, le compagnie internazionali, gli ospiti di tutto il mondo che si trovano al Festival in questi 12 giorni, saranno protagonisti di questo grande evento a conclusione della sessione residenziale della XXIV edizione del FLIPT.

E poi continuano gli spettacoli del Festival per tutto il pubblico:

Lunedì 1 luglio alle 18:00 la compagnia polacca Teatr Brama porta in scena al Teatro Potlach lo spettacolo “Voices”, dove la principale forma di espressione è il canto, trasportando lo spettatore in diversi mondi emotivi.

Si prosegue alle 20:00 con uno spettacolo d’apertura nel giardino del Teatro Potlach: saremo trasportati in Groenlandia con “Greenlandic Mask Dance” con Kristian Molgaard.

Alle ore 21:00 la compagnia brasiliana Estelar de Teatro si esibirà al Teatro Potlach con lo spettacolo “Tarsila o il vaccino antropofagico”. Poesia, musica e videoproiezioni delle immagini del pittore brasiliano Tarsila do Amaral, in uno spettacolo-utopia e manifesto artistico alla ricerca di nuove immagini.

 ----------------------------- ------------------------------ ------------------------------ ------------------------------ -

Martedì 2 luglio alle 18:00 lo spettacolo “La lingua dei fiori”, della compagnia italiana Teatro Nucleo animerà la passeggiata del Belvedere di Fara in Sabina. In scena sette attori, per uno spettacolo che vuole indagare con gli strumenti della poesia, del canto, dell'immagine, la vita ribelle e silenziosa del mondo vegetale: nell'indifferenza generale, i fiori organizzano la loro lenta ma inesorabile rivoluzione fatta di bellezza, profumo, incanto.

Alle 20:00 si torna nel giardino del Teatro Potlach per ascoltare alcune delle più belle poesie ungheresi in “Magyar poetry” a cura di Zsofia Gulyas e Emoke Szabò.

Alle 21:00 al Teatro Potlach una coproduzione tra “Kamigata-mai Monokai”, la compagnia di Keiin Yoshimura dal Giappone, e Residui Teatro dalla Spagna, con lo spettacolo “White Bird”. L'opera si basa su un antico racconto tradizionale giapponese, interpretato con diverse tecniche del teatro e della danza tradizionali giapponesi (teatro Noh, Kyogen e Kamigata-mai) in aggiunta a tecniche del teatro fisico e della Commedia Dell'Arte.

 ----------------------------- ------------------------------ ------------------------------ ------------------------------ -

Mercoledì 3 luglio continuano gli spettacoli a partire dalle ore 18.00 con “La mia vita nell’arte” della compagnia brasiliana Estelar de Teatro presso il Teatro Potlach. Lo spettacolo condivide i paradossi di un regista pedagogo nel XXI secolo - un mondo digitale - che cerca ispirazione dalle lezioni di K. Stanislávski nei suoi luoghi di utopia per nutrire un teatro del futuro.

Alle 21:00, presso il giardino del Teatro, ci sarà lo spettacolo “caMARá” della compagnia tedesca antagon theaterAKTion. Il mare è l'origine e la fonte di tutta la vita, rappresentando allo stesso tempo libertà completa e desolazione immensa. Due uomini vagano tra le onde, danzando con le stelle. Benedikt Müller e Lucas Tanajura del gruppo antagon Theater AKTion utilizzano teatro, danza, acrobazie, musica strumentale e canto per creare un viaggio intimo iniziato con la domanda: "Cosa succede quando perdiamo tutte le certezze e ci tuffiamo nell'ignoto? Dove ci porterà il nostro viaggio quando lasciamo la terraferma e ci arrendiamo alle forze della natura?"

 ----------------------------- ------------------------------ ------------------------------ ------------------------------ -

Giovedì 4 alle 18:00 ci sarà, presso il Teatro Potlach, lo spettacolo “Home” della giovane compagnia ucraina “Maysternya 55”. Lo spettacolo esplora artisticamente il concetto di casa e come cambia nel tempo e durante la guerra. Il collettivo, composto da ucraini sparsi per il mondo a causa della guerra in Ucraina, riflette su due concetti di casa: quello originale e quello attuale.

Alle 21:00 uno spettacolo in coproduzione tra il Centro Anziani “Insieme” di Fara Sabina APS, il Teatro Potlach, e l’assessorato ai Servizi Sociali del comune di Fara in Sabina. “Le radici del futuro” è il titolo dell’evento che avrà come protagonista il Monumento ai Caduti di Fara in Sabina che prenderà vita nuova con luci, proiezioni e installazioni visive.  Alla fine del percorso artistico allestito sul monte, sarà possibile assistere a un filmato che racconta, attraverso la voce di chi ha il ricordo del passato e delle tradizioni, la storia dei mutamenti della vita nei borghi, per trasmetterla alle nuove generazioni. E a seguire… una sorpresa dal vivo, per permettere un contatto tra le generazioni, tra il passato e il presente!

Alle 22:30 concludiamo con uno spettacolo notturno dal titolo “Utopia”, a cura di Gabriel Delfino dal Brasile, vedrà in scena i diversi partepanti al Festival e le loro oltre 16 nazioni. ------------------------------ ------------------------------ ------------------------------ ------------------------------

Il 6 e 7 luglio, a conclusione di questa grande edizione del FLIPT, lo storico spettacolo del Teatro Potlach “Città invisibili”. Gli oltre 100 artisti Italiani ed internazionali che hanno partecipato a queste dodici giornate di Festival invaderanno il centro storico di Fara in Sabina con performance, teatro, danza, musica e molto altro.

27_06_2024

condividi su: