Marzo 2019

SPORT

FINAL EIGHT, CAPITAN ESPOSITO "NULLA E' IMPOSSIBILE, PROVIAMOCI"

Diretta Sky Sport ore 18.30

calcio a 5

Sabato 23 marzo, ore 18,30: al “PalaCattani” il Real Rieti ha un altro appuntamento con la storia, la semifinale di Final Eight 2019 contro i detentori del titolo, quell’Acqua&Sapone scudettata che ha già prenotato il bis, ma che per alimentarlo dovrà prima passare sotto le forche Caudine amarantoceleste. 

E’ una sfida, quella di domani, che si ripete per la quarta volta quest’anno e che “rischia” seriamente di caratterizzare anche la post season, qualora i piazzamenti delle due squadre ed i rispettivi cammini, dovessero incrociarsi: finora il bilancio parla di 2 vittorie a 1 in favore degli abruzzesi, che si sono aggiudicate le due gare di campionato (5-3 al PalaMalfatti, 5-0 al Pala Santa Filomena), mentre il Real s’è imposto 5-3 nei quarti di finale di Coppa della Divisione, poi vinta contro l’Italservice Pesaro al “Pala Nino Pizza” lo scorso 27 gennaio (5-4 dcr). Ma al di là dei risultati, al di là degli score numerici, Real Rieti-Acqua&Sapone non è mai stata una sfida banale ed ha sempre regalato emozioni, ribaltoni, colpi ad effetto, vincitori e vinti. E la sensazione è che anche stavolta sarà così, come spiega il capitano (in campo) Matteo Esposito, a poche ore dal match: 

"Quella di domani sarà una finale anticipata – dice - perché affrontare la detentrice della Coppa già di per se è un fattore e farlo consapevoli di avere di fronte la squadra sulla carta più forte delle quattro rimaste in corsa non fa altro che rafforzare il concetto e dare la dimensione di ciò che ci aspetta. Noi, quello che volevamo ottenere, lo abbiamo già ottenuto e cioè superare questa prima fase che storicamente ci ha visti sempre soccombere ai quarti. Ed arrivare di fatto alla Final Four davanti le telecamere di Sky Sport è un bel traguardo. È chiaro, però, che chi ci conosce sa che non siamo appagati da questo e che domani ce la giocheremo al 110% perché ben consapevoli dei nostri mezzi e consci del fatto che compiere un’impresa è assolutamente possibile. Ci aspettiamo una gara equilibrata dove, rispetto a ieri, noi avremo meno pressioni: se contro il Meta Catania avevamo un po' l’obbligo di vincere o, per lo meno, partivamo favoriti, stavolta è il contrario. Pronostico? Dico 50% e 50%  consapevoli di averli già battuti una volta quest'anno proprio in Coppa, che per loro rappresenta una ferita ancora aperta, per noi l'esempio del fatto che nulla ci è precluso. Stavolta non abbiamo alcunché da perdere".

condividi su: