Ottobre 2021

COMITATO PIANA "LA FUTURA FERROVIA SALARIA È LA GRANDE OCCASIONE : ALTRO CHE ELIMINARE PASSAGGI A LIVELLO!"

politica

"La ferrovia Rieti-Roma si farà, è quasi certo", così Alvise Casciani, presidente del Comitato Piana Reatina aveva affermato nell'ultima riunione del gruppo. E le sue parole suonano ora profetiche, alla luce di quanto è stato reso noto dalle fonti di stampa negli ultimi giorni: Rfi-Rete Ferroviaria Italiana avrebbe infatti l'intenzione di procedere con lo studio di fattibilità relativo alla cosiddetta Ferrovia Salaria, che collegherebbe i due mari (Tirreno e Adriatico). 

Il Comitato saluta con favore questa notizia: "Una infrastruttura di tale portata è altamente auspicata e sognata anche da noi. Proprio per questo, e in vista di modifiche tanto macroscopiche alle linee ferroviarie, troviamo a maggior ragione prematura l'ipotesi di eliminare i passaggi a livello e di scavare sottopassi in più punti della città, lungo la tratta Rieti-Terni!". 

Basta infatti guardare la mappa del futuro tracciato della Ferrovia Salaria, per comprendere che uno spostamento della stazione ferroviaria di Rieti a sud dell'abitato cittadino - e dunque più in prossimità della Via Salaria, appunto - consentirebbe un raccordo ottimale con l'infrastruttura oggi ancora allo studio. 

"Il progetto della Ferrovia Salaria cambia le carte in tavola e apre a nuove considerazioni in merito alle scelte da fare", sottolinea Alvise Casciani. 

Una tratta di collegamento verso Roma che attraversi la città di Rieti comporterebbe la realizzazione di una massicciata per i binari di ben altra portata rispetto alla monorotaia che vediamo oggi: altro che sottopassi ci vorrebbero, in quel caso. Andrebbero eliminate intere strade urbane, per far posto a binari che siano idonei per il passaggio di treni veloci."

12_10_21

 

condividi su: