Giugno 2022

PROVINCIA

CITTADUCALE, IL DISCORSO D'INSEDIAMENTO DEL SINDACO RANALLI

amministrazione

Si è svolto questa mattina, a Cittaducale, il primo Consiglio comunale dopo le recenti amministrative.

"Mai come oggi sento il peso di avere l’onore e l’onere di rappresentare la nostra popolazione che, così chiaramente e mai nella storia elettorale di questo comune,  ha espresso la volontà di dare seguito all’azione di questa amministrazione - ha affermato il Sindaco di Cittaducale, Leonardo Ranalli - Mi sono imposto di mettermi a generoso servizio dei cittadini e ho chiesto alla Giunta e alla maggioranza tutta di fare altrettanto, accantonando la giusta aspirazione personale a vantaggio del bene collettivo che non deve necessariamente rispondere a logiche di spartizione matematica o di appartenenza. Non esistono discriminazioni e ribadisco a tutti che l’unica logica che accetto in questo mio ruolo è quella di dare risposte alla popolazione seguendo il principio della costruzione e non della distruzione. Tutti noi proveniamo da un territorio splendido come quello di Cittaducale e l’intero gruppo che mi onoro di rappresentare lavorerà con principi di buonsenso per l’interesse collettivo che non è fatto da singoli porzioni di territorio, ma dall’interezza dello stesso. Abbiamo dimostrato in 5 anni che è possibile Amministrare con principi di crescita collettiva e senza etichette da rilegare a logiche di un certo provincialismo che non è inteso come il giusto orgoglio di un’appartenenza che dobbiamo sbandierare, ma come un concetto dove si pensa ancora che la rappresentanza debba essere rilegata alle radici piuttosto che alle competenze e alle prospettive. E’ più forte chi unisce le forze e non chi le divide e ricordo a me stesso e a tutti noi quanto sposato in campagna elettorale, una frase del presidente John Fitzgerald Kennedy che recita lo spirito che dovrà animarci: “Non chiedete cosa può fare il vostro paese per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro paese”. Gli Enti locali, sempre più in questo periodo, sono chiamati a grandi sacrifici e al tempo stesso sono costretti a chiederne alla popolazione che speriamo possa sempre più diventare protagonista insieme a noi tutti. Veniamo da un tempo e da un quinquennio senza precedenti: la tragedia del terremoto e la sfida della ricostruzione, la tragedia del Covid che ci ha portato via parenti e amici e che ancora non molla la presa, il dramma della guerra che sta comportando ripercussioni oltre che  sociali, economiche su tutti noi e ora ecco la siccità e la peste suina che rischia di compromettere anche quella fetta di economia locale che da noi rappresenta la tradizione e l’innovazione di un segmento centrale. Lavoriamo in emergenza e dobbiamo essere pronti a correre. Queste sono le nostre sfide e il contesto dal quale ripartiamo. Chiediamo all’opposizione di fare quanto indicatogli da chi gli ha dato fiducia: rappresentare quell’elettorato che sarà sempre e comunque ascoltato da tutti noi ed essere parte dirigente di un territorio che ha bisogno di tutti. Ognuno nel suo ruolo può dare un contributo centrale nelle sfide che ci attendono e nell’impostazione di un quinquennio che sarà centrale sicuramente per le opportunità della nuova programmazione europea e di quella del Pnrr. Lasciamoci alle spalle le acredini e i dissapori che sicuramente si alimentano nelle campagne elettorali e lavoriamo con spirito di crescita. In questa giornata così importante ed emozionante non posso infine che ringraziare tutti gli uffici per quanto fatto in questo ultimo quinquennio durante il quale il lavoro è stato duro e sicuramente differente rispetto al passato nelle impostazioni date, il segretario comunale, dott. Lino Massimi, per la serietà e la competenza dimostrata, la maggioranza uscente per quanto fatto e quella entrata, così come l’intero gruppo della lista “Svolta Comune” del 2017 e del 2022. Un ringraziamento ovviamente alla Giunta uscente, che coincide con quella entrante, con la precisazione che nei prossimi giorni saranno date deleghe istruttorie all’intero gruppo consiliare. Ma permettetemi, prima di tutto, ringraziare chi ha sempre avuto fiducia in me, i cittadini e la mia famiglia con mia moglie in testa che con amore e pazienza, tanta pazienza, hanno dovuto e voluto plasmare le proprie vite sulle mie esigenze, e di riflesso su quelle della popolazione tutta, permettendomi di interpretare come sempre ho creduto questo ruolo: con una disponibilità totale e totalizzante che toglie tempo, aspirazioni professionali e spesso tranquillità alla nostra vita. Alla vita di tutti gli amministratori che decidono di mettersi a servizio della collettività con onestà, umiltà e voglia di cambiare".

Di seguito lo schema delle deleghe di Giunta e le nomine:

Maria Grazia Angeletti: Bilancio e programmazione del Pnrr, Politiche Sociali e Pari Opportunità.

Alessandro Cavallari: Associazionismo, Patrimonio, Sport, Cultura, Turismo e Commercio.

Claudio Cesarini (Vice Sindaco): Lavori Pubblici e Urbanistica.

Veronica Sequino: Ambiente, Valorizzazione del patrimonio boschivo, Istruzione, Trasporto Pubblico Locale e scolastico.

Antonio Ventura: Presidente del Consiglio

Maria Grazia Angeletti: Capogruppo Maggioranza

 

condividi su: