Gennaio 2022

PROVINCIA

BIRRA DEL BORGO VERSO IL RIDIMENSIONAMENTO: PIÙ DI METÀ DIPENDENTI COINVOLTI

artigianato, impresa, occupazione

Era il 2016 quando la notizia della  cessione del 100% di Birra del Borgo di Borgorose al colosso AB Inbev (società leader mondiale nella vendita di birra con sede in Belgio e oltre 500 brand nel portafoglio, tra cui Corona, Leffe, Beck’s e Stella Artois) venne salutata da una parte come un grande passo compiuto nei confronti di una realtà artigianale della nostra zona e, a livello nazionale, come la volontà, da parte delle multinazionali,  di arrestare l’espansione del mercato artigianale con l’imposizione del crafty (prodotti industriali che si fingono artigianali).  Leonardo Di Vincenzo (oggi in Puglia, dove ha iniziato a produrre vini) avrebbe visto la sua creatura ampliare il proprio know how e le proprie infrastrutture, continuando a innovare come fatto dal 2005. “I suoi prodotti probabilmente ne guadagneranno in stabilità, reperibilità e comunicazione – si disse - Sarà un accordo che permetterà al marchio reatino di raggiungere una dimensione e un livello commerciale impensabile per il resto del segmento artigianale nazionale”.

Quanto sta accadendo in questi giorni, raccontato dai media nazionali,  risulta quindi del tutto inatteso: all’interno del marchio Birra del Borgo è in corso un ridimensionamento che porterà al licenziamento di almeno 42 dipendenti su 72, annuncio arrivato in una call interna e poi comunicato via mail. Rimarrebbe di fatto in piedi soltanto il settore della produzione. I reparti interessati al ridimensionamento dovrebbero riguardare il gruppo commerciale, il gruppo marketing, lo storico birrificio di Collerosso e tutte le attività commerciali site a Roma, Osteria di Via Silla e Bancone di Piazza Bologna. Rimarrà aperto solo quello di Spedino e qualche collaboratore presente in quella sede operativa. Il personale sarebbe a rischio già dal primo di febbraio.

25_01_22

SEGUE AGGIORNAMENTO DEL SINDACO DI BORGOROSE https://www.formatrieti.it/birra-del-borgo-calisse-chiusi-punti-di-collerosso-e-roma.-continuano-investimenti-su-spedino

condividi su: