Agosto 2022

SCUOLA

ANGELUCCI E L'ASSESSORE-OMBRA ALLA SCUOLA FELLI: “GRAVE SEGNO DI DISATTENZIONE DEL TERRITORIO MANCATA ASSEGNAZIONE DI DIRIGENTI SCOLASTICI E DIRETTORI DSGA”

politica

“Esprimiamo sincera preoccupazione per la mancata assegnazione, sulla rete scolastica provinciale di Rieti, di Dirigenti Scolastici e Direttori DSGA, dimostrazione ulteriore di totale assenza d'attenzione, nei confronti della nostra terra, che già sconta le sue mille complessità strutturali” Così la nota congiunta del  Consigliere Comunale e Provinciale Alessio Angelucci e dell'assessore ombra alla Pubblica Istruzione Prof.ssa Carla Felli, sulla mancata attribuzione al nostro territorio di queste fondamentali figure che metterano ben 11 Istituti Scolastici nella precaria condizione di essere orfani di una guida. Una notizia che appare ancor più amara questa notizia poichè giunta a pochi giorni dal sesto anniversario del tragico sisma 2016. Una tragedia, quella che ha sconvolto le terre reatine, che avrebbe almeno dovuto portare più attenzione e interventi definitivi non solo sulla tenuta edilizia degli edifici scolastici, ma anche e soprattutto sulla loro funzionalità, e ciò anche quale segno della presenza fattiva dello Stato sul territorio. “Da mesi”, aggiunge il Consigliere Angelucci, “chiedo a tutte le Istituzioni, per prima la Provincia, di convocare l'apposita Commissione per dar forza a queste rivendicazioni: nulla è stato fatto! Al contrario si sono verificati  solo incontri sporadici e non condivisi che hanno sortito l'effetto opposto, indebolendo ancor di più la nostra già precaria condizione di partenza”. Il consigliere Angelucci e l'assessore Felli confermano poi di aver anche chiesto ufficialmente al Presidente Calisse affinché la sua delegata alla Scuola provveda alla convocazione urgente di tutte le parti interessate affinchè si addivenga ad una possibile risoluzione di questo ennesimo dramma. Interpellati direttamente per iscritto anche i deputati uscenti Melilli, Trancassini e Lorenzoni, affinché prima di lasciare il loro importante ruolo di rappresentanza ai massimi vertici Istituzionali, possano adoperarsi in una chiave risolutiva della spinosa vicenda “Sono personalmente meravigliato”, aggiunge Angelucci, “che dopo mesi di allarme da me lanciati, solo stamane qualcuno pare accorgersi di questo ennesimo smacco perpetrato ai danni di Rieti e della sua Provincia. Speriamo – conclude - che la peggiore politica non abbia infettato ambienti che hanno sempre lottato liberamente per il bene della Scuola”.

 

condividi su: