Novembre 2023

LIBRI

AMELIE TORNA A STUPIRE IL LETTORE: “FALCONE E VESPAZIANI - UN'ALLEANZA PER LA VERITÀ”

storia

Il volume è appena uscito e già se ne parla molto : l’ultima pubblicazione della scrittrice reatina Amalia Mancini (nota nell’ambiente letterario come Amelie) sta riscuotendo curiosità e forte interesse da parte del pubblico. Il titolo? “Falcone e Vespaziani - Un'Alleanza per la Verità”. 

L’ autrice si immerge nell'incredibile mondo di due giganti della giustizia e racconta la storia poco conosciuta di una collaborazione, trasformatasi in amicizia, tra il giudice Giovanni  Falcone,  vittima  della  mafia  nella  tragica strage  di Capaci del 1992, e l' avvocato Giovanni Vespaziani, oggi novantaduenne (zio materno di Amelie). Durante gli eventi narrati nel libro, Vespaziani era il Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Rieti, incaricato da Falcone di difendere il pentito di mafia Antonino Calderone. Le vicende storiche testimoniano questo contributo cruciale, che insieme a quelli di Tommaso Buscetta ed altri collaboratori di giustizia, ha permesso a Falcone di tracciare la strada per il leggendario maxiprocesso di Palermo contro Cosa Nostra.

In un'Italia avvolta dall'ombra della corruzione e della violenza, il rispetto reciproco, la fiducia e l'impegno per la giustizia hanno tessuto un rapporto di stima tra il coraggioso combattente Falcone  e Vespaziani, anch’egli instancabile difensore della visione di un'Italia libera e onesta. Entrambi, insomma, custodi di un sogno comune per un Paese migliore.

Il contenuto giornalistico di questo nuovo, ultimissimo  libro di Amelie è straordinario non solo perché’ rivela innumerevoli dettagli di una collaborazione epocale tra un magistrato coraggioso e un avvocato determinato, ma anche perché’ presenta un tesoro di contenuti inediti che porteranno nel cuore pulsante di una verità nascosta.

Con 172 pagine cariche di rivelazioni, “Falcone e Vespaziani - Un'Alleanza per la Verità” si disvela molto più di una semplice lettura, trasformandosi in un'esperienza che cambierà la prospettiva del lettore  riguardo ai temi della giustizia, della verità e del coraggio.

Nel cuore impenetrabile del Carcere di Santa Scolastica di Rieti, si dipanano le vicende narrate in "Falcone e Vespaziani".

L'avvocato Vespaziani, figura imponente della giurisprudenza, ha vissuto la sua brillante carriera nel tessuto stesso della città di Rieti, dove ha scelto di vivere e operare. La sua residenza nella città ha visto intrecciarsi la sua vita professionale e personale, contribuendo a plasmare il suo carattere in modo indissolubile con il contesto urbano che lo circonda. Rieti è diventata così il palcoscenico dove l'avvocato Vespaziani ha scolpito il suo nome, lasciando un'impronta indelebile nel panorama legale della comunità.

Amalia Mancini, nata a Rieti, ha trascorso gran parte della sua vita a Roma, dove ha conseguito la laurea in Lettere con 110 e lode e si è affermata come biografa, scrittrice, giornalista.  Apprezzata dalla critica anche come sceneggiatrice e poetessa, ha studiato a lungo il mondo del giornalismo, dedicandosi perfino ad una tesi sperimentale su questa professione.

Numerosi sono i premi di settore che ha ricevuto nel corso della sua lunga carriera, tra cui il Premio letterario Corrado Alvaro (conferito dalla Presidenza del Ministero per i Beni e Attività Culturali e dalla Fondazione Corrado Alvaro), il Premio Borromini (dedicato alla celebrazione del quarto centenario dalla nascita dello stesso, conferito dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali, Ufficio Centrale per i Beni Archivistici),  il Premio Capit Terzo Millennio consegnatole da Piero Angela, il Premio internazionale Altiero Spinelli, il Premio Viareggio Carnevale.

Tra i prossimi impegni di Amalia Mancini a dicembre, il primo sarà a Salerno, presso la sede dello Yachting Club; il 2 in Costiera amalfitana, all’ Aula consiliare Comune di Minori; il giorno 11 a Palermo, nell’ambito di una iniziativa del Parlamento della Legalità Internazionale all’interno di Palazzo Reale, sede dell’Assemblea regionale della Sicilia, presso la Sala Piersanti Mattarella. Per poi proseguire a Narni, ed approdare il prossimo anno a Roma (Sala della Protomoteca in Campidoglio il giorno 24 gennaio in un’altra iniziativa del Parlamento della Legalità Internazionale), e finalmente nella sua Rieti (data richiesta a gran voce da tanti lettori abituali, e al momento ancora da stabilire), Tivoli, Viterbo, Firenze, Siena, Arezzo…in un calendario in itinere e che si prospetta decisamente impegnativo per questa Autrice, attualmente anche presidente di giuria del Campionato Nazionale Cittadinanza e Costituzione.

 

condividi su: