Aprile 2024

LIBRI

24 APRILE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "UTÒPIA" DI VIVIANA LONGO

cultura, libri

Nell'ambito del Mese della Cultura a Rieti, la città si prepara ad accogliere un evento speciale presso la storica Chiesa di San Rufo: la presentazione di "Utòpia", l'attesissimo romanzo di Viviana Longo. L'appuntamento è per mercoledì 24 aprile 2024, dalle ore 18:30.

"Utòpia" ci porta nel mondo vibrante e colorato di Amos, un bambino di dieci anni le cui avventure tra realtà e fantasia sollevano questioni profonde su temi come il bullismo, l'immaginazione e la resilienza dell'infanzia. Attraverso il racconto di un mondo parallelo accessibile solo nei sogni, il romanzo esplora la potenza trasformativa dei sogni e il loro ruolo nel nostro confronto con la realtà quotidiana.

Viviana Longo, autrice reatina e voce emergente nel panorama letterario, ci guiderà in un viaggio alla scoperta di "Utòpia" e dei suoi Curiosi, creature incantate che aiutano i terrestri a ritrovare l'amore per i sogni e la passione per inseguirli.

L'evento sarà moderato da Antonio Sacco e includerà una sessione di Q&A, dove il pubblico avrà l'opportunità di interagire direttamente con l'autrice, e una firma copie del libro, disponibile per l'acquisto durante la
serata.

Dettagli dell’Evento:

Data e Ora: Mercoledì 24 Aprile 2024, ore 18:30
Luogo: Chiesa di San Rufo, Rieti
Ingresso: Libero fino a esaurimento posti

Associazione Culturale Musikologiamo APS – Via Nuova 27 02100 Rieti musikologiamotv@gmail.com – www.musikologiamo.it

Invitiamo tutti gli appassionati di letteratura, educatori, genitori e giovani lettori a non perdere questa occasione unica per esplorare il significato profondo dell'immaginazione e della resilienza attraverso gli occhi di un bambino.

Per ulteriori informazioni, contattare la divisione comunicazioni sociali di Rieti all'indirizzo email: comunicazionisocialirieti@gmail.com.

Viviana Longo: Laureata in Scienze dell'educazione, insegnante e autrice, Viviana Longo ha trasformato la sua passione per la scrittura e l'educazione in un'opera che celebra la potenza della fantasia e l'importanza dell'accettazione di sé.

23_04_2024

condividi su: