Gennaio 2020

IN VIGORE DA OGGI NUOVE MODIFICHE A YOUTUBE PER PROTEGGERE MEGLIO I BAMBINI

La “generazione YouTube”. La formano i bambini con meno dieci anni, racchiusi nella fascia d’età che va dall’asilo alla scuola primaria, fra cui spopola la nota piattaforma di video via Internet. Vedere un cartoon o un format sul tablet e sul telefonico fa ormai parte del loro quotidiano e hanno una familiarità straordinaria con i device e le App.

Lo scorso settembre, infatti Youtube ha annunciato una serie di modifiche che avrebbe apportato per proteggere meglio i bambini e la loro privacy sulla piattaforma e per rispondere alle preoccupazioni sollevate dalla Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti. Nello specifico, tutti i creator avrebbero avuto l'obbligo di indicare su YouTube Studio se i loro contenuti fossero destinati o meno ai bambini. Inoltre, le informazioni personali di chiunque guardasse un video contrassegnato come destinato ai bambini sarebbero state trattate come se appartenessero a un bambino, indipendentemente dall'età dell'utente. A partire da oggi, sui video contrassegnati come destinati ai bambini, non pubblicheranno più annunci personalizzati, né supporteranno funzionalità come i commenti, le storie, la chat dal vivo, la campana per le notifiche e altre ancora.
"Queste modifiche potrebbero avere importanti conseguenze per i creator di contenuti per bambini, pertanto vogliamo aiutarli a orientarsi all'interno di questa nuova realtà. Continuiamo ad affrontare l'argomento, anche tramite la nostra partecipazione al periodo di consultazione della FTC." - dichiara l'azienda americana - "I creator conoscono meglio di chiunque altro i propri contenuti e hanno la responsabilità di classificarli in prima persona. Inoltre, ci avvaliamo dell'ausilio del machine learning per identificare questo tipo di contenuti, fermo restando che i creator hanno la possibilità di aggiornare la classificazione effettuata dai nostri sistemi se ritengono che non sia corretta. Sostituiremo un'eventuale modifica in tal senso solo nel caso in cui venga rilevato un comportamento illecito o un errore."

condividi su: