Febbraio 2019

PERSONE & PERSONAGGI

UN UOMO SOLO AL COMANDO

Felice Nucci e la duemillesima salita

persone

"Questa è una montagna magica, ma non per tutti, sa scegliere i suoi compagni migliori e li fa sognare". (Frank)

Chi conosce Felice Nucci sa che questa frase è tratta dal suo libro “Il venditore di sogni” una sorta di autobiografia, che attraversando tutti i colori della vita arriva, come dopo una lunghissima scalata, alla cima della montagna illuminata di luce. Il Terminillo anche se mai nominato fa da sfondo al racconto diventandone stella polare. Così come nella realtà. Con qualsiasi tipo di condizioni meteo, di stati d’animo, oseremmo dire di condizioni fisiche, Felice ha sfidato se stesso e la vita percorrendo in bicicletta quella lunga strada per arrivare alla meta: inizialmente il suo ufficio luogo di lavoro per molti anni, in seguito testando le forze e sfidando le avversità.

Quando, dopo essere tornato a pedalare, ha deciso di programmare la sua duemillesima salita in tanti lo hanno invitato a desistere: inverno, freddissimo, pericoloso per la salute. Nulla da fare. Ed allora? Con un tam tam che solo l’amicizia sa propagare ottimamente, si è deciso di affiancarlo, sostenerlo, incoraggiarlo compiendo con lui quell’impresa e quello sforzo, oppure attendendolo all’arrivo per un brindisi. E’ partito con la sua Colnago rossa da Lisciano intorno alle 9.40, e due ore dopo era a Pian de’ Valli, a godersi la sua salita al Terminillo numero 2.000, il 16 dicembre 2018. Lo aveva promesso a se stesso quando seri problemi di salute avevano tentato di fermarlo: sarebbe tornato a salire su quella bici. Così è stato ed il venditore di sogni ha ancora tanto da pedalare!

condividi su: