a cura di Luigi Ricci

Agosto 2018

BASKET

PER UN PELO

basket

Ore 10 del mattino, Antonio beve una granita al caffè leggendo sotto l’ombrellone dello chalet Da Peppe, ad Alba Adriatica, dove trascorre quindici giorni di ferie alla pensione Miramare, e al solito esclama: “Mannaggia la matìna!”. Alle spalle sopraggiunge Giovanni, cornetto Algida in mano, che dice: “Anto’, ma pure ècco te lamenti? La Ennepici mica sta a jocàne, aspetta arménu che fenìsce lu mercàtu!”

Antonio: A Giua’, ma que sta a ffa’ èssu? Ssocì dde soprassàltu m’ha fàttu pija’ ‘n còrbu!

Giovanni: So’ appena ariàtu ‘n ferie a Martinsicuru, e te so’ ‘enùtu a troàne. Ma non me pare che è conténtu de reedémme.

Antonio: Già te ‘edo tùttu l’annu! Màncu fossi ‘na bella bardàscia. Guarda che trippa que pòrti!

Giovanni: E scì prequé è béllu tu, co’ ‘ssi lùffi. Andru che manìje dell’amore! Pari l’omino della Michelin!

Antonio: Ma io dico: ma màncu a lu mare pòzzo sta tranquìllu a fa’ ‘n cruciverba?

Giovanni: Ah, ecco prequé biastimàvi. Non reèsci a fàllu, ssocì ‘gnorante che è!

Antonio: E’ arijàtu Piero Angela, lu scienziàtu. Allora se è ssocì bbràu damme ‘na mani.

Giovanni: Babbe’, ‘ncomincia.

Antonio: Dunque, circonda la villa.

Giovanni: Digos.

Antonio: Sbajàta. Proàmu ‘esta: fa coppia con Romeo.

Giovanni: Facile, Alfa.

Antonio: Ma que sta’ a ddì? E’ Giulietta.

Giovanni: Babbé, sempre de auto se tratta!

Antonio: Scì, babbé. Sta atténtu: fra due si sceglie il minore.

Giovanni: Lu preventìvu.

Antonio: Ma è léciu o lu fa’ apposta?

Giovanni: E non se po’ fa’ ‘na battuta! Lu sàccio che è lo male!

Antonio: Strànu che ne ha azzeccata una. Jému aànti: è famoso quello di Troia.

Giovanni: Lu fìju!

Antonio: Mamma méa quant’è stùpidu!

Giovanni: E allora chi è?

Antonio: Enea, ‘ntontìtu. Proàmu est’àntra: Si risolve formando un nuovo governo.

Giovanni: Gniénte.

Antonio: Non è sbajàta ma non è esàttu. Reproàmu: schiarisce col tempo.

Giovanni: Michael Jackson!

Antonio: Senti Giua’ ma prequé non te nne rea’ a Martinsicùru, che ssu cruciverba me lu faccio da sòlu?

Giovanni: E ddàje su, mo’ sto più attentu!

Antonio: Mo bbedèmu: si indossa nelle grandi occasioni.

Giovanni: Lu preservatìvu!

Antonio: Babbe’ Giuà, cambiamo argoméntu: que sta a ffa’ la Ennepici? Chi aému pijàtu?

Giovanni: Frazier.

Antonio: Ma chi? Lu pùggile? Ma s’è mòrtu da ‘n pézzu.

Giovanni: Ma quale pùggile è ‘n pleiméchere. E pure bbràu.

Antonio: Meno male e poi chi andri aémo présu?

Giovanni: Duu tipi bbrài, però non me recòrdo li nomi. Ce téngu tutti e dùi ‘na gran barba. Mo’ cerco la foto su Gùgle...... èssoli (mostra il cellulare)

Antonio: Anto’! Ma que me sta a ffa’ ‘ede? Issi so’ Che Guevara e Fidel Castro!

Giovanni: E babbè, sta a guardà lo pìlu! Pure issi c’hau la barba.

Antonio: Ah Giua’, ma bàttenne a... Martinsicùru!

A cura di  LUIGI RICCI

condividi su: