Novembre 2019

UN GESTO VOLONTARIO DIETRO IL ROGO DELL'APPARTAMENTO DI CAMPOMORO

cronaca

Risulta confermata la dinamica emersa sin dai primi momenti, attraverso le indiscrezioni trapelate, che ricondurrebbe ad un gesto volontario il rogo dell'appartamento in via Dionigi a Campomoro avvenuto ieri sera (LEGGI QUI). In una data in cui si celebrava la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, sarebbe stata invece proprio una donna, a provocare la tragedia che è costata la vita al marito, V.A. 44 anni, persona conosciuta in città per il suo lavoro nell’ambito della grande distribuzione. Testimoni e purtroppo vittime di quanto accaduto, i due figli che avrebbero per primi chiamato i soccorsi, dopo essere stati allontanati dalla propria madre che li avrebbe così messi al sicuro. Non si conoscono i motivi della forte lite in corso, degenerata al punto da essere stata interrotta affinché la donna potesse provocarsi del combustibile utile per portare a compimento una vendetta che avrebbe avuto conseguenze anche sul suo corpo.  Il fuoco sarebbe divampato in sala da pranzo e le fiamme rapidamente  avrebbero avvolto ogni cosa. I vigili del fuoco una volta intervenuti hanno infatti dovuto operare sia all’interno che dall’esterno della casa per diverso tempo, nel corso del quale riprendeva a tratti consistenza. Da subito escludevano si fosse trattato di un’esplosione provocata da una fuga di gas come si era dapprima ipotizzato, mentre si avvertiva un forte odore di benzina che faceva propendere per la matrice dolosa. La donna, di origini brasiliane,  si trova attualmente al Sant’Eugenio, anche lei ha segni d’ustione sul corpo, dalla sua testimonianza si arriverà a ricostruire esattamente i momenti precedenti l'incendio e le cause che hanno portato a conseguenze così devastanti. Al momento è in stato di fermo.

condividi su: