Aprile 2018

NEWS

SULLE SCUOLE VOGLIAMO I FATTI

amministrazione, sisma
Assistiamo sconcertati al dibattito che si è aperto tra le forze politiche del Comune di Rieti dopo l'assordante silenzio che da sette mesi l'attuale maggioranza ha fatto calare sul tema della sicurezza scolastica.
Come gruppo Filippo Sanna abbiamo seguito l'ultimo consiglio comunale, nel quale dei consiglieri dell'opposizione hanno presentato interrogazioni sull'argomento scuole. Nessuna credibile risposta è stata data, in particolare a quella del consigliere comunale Lodovica Rando volta a chiedere lo spostamento di studenti e personale scolastico di tre plessi in strutture in grado di garantire la sicurezza per la loro vita.
D'altronde, già a pochi giorni dall'inizio dell'anno scolastico avevamo constatato il disinteresse a parlare di rischio sismico unicamente in termini di legge e non di "convenienza", tanto che diffidammo l'attuale amministrazione (come la precedente) a riaprire quelle scuole che, oltre ad essere ad alto rischio, non rispettano le norme tecniche per le costruzioni.
Perciò, al di là di quanto scrive l'Ing. Peron, vorremmo sapere se il Sindaco Cicchetti e l'Assessore Emili sono consapevoli del fatto che gli amministratori di Grosseto sono accusati di omissione d'atti d'ufficio per non aver chiuso una scuola molto meno a rischio di alcune di loro competenza, e che la Cassazione in proposito ha confermato il sequestro dell'edificio in questione per la ben nota imprevedibilità dei terremoti.
Pertanto, consigliamo l'Assessore Emili di non inventarsi inesistenti coinvolgimenti dei genitori "nei processi decisionali inerenti alle scuole da adeguare o da ricostruire" e a pensare a come accelerare le verifiche sismiche e le progettazioni necessarie per ottenere, come ha fatto il Comune di Leonessa per una scuola con esito Aedes B, tutti quei finanziamenti che, anche se con colpevole ritardo, il MIUR e l'Ufficio Ricostruzione hanno messo a disposizione.
Gruppo Genitori Filippo Sanna
condividi su: