Ottobre 2021

SMART WORKING: ECCO LE LINEE GUIDA

lavoro

Il ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta ha consegnato ai sindacati le linee guida per il lavoro agile (smart working) nella pubblica amministrazione che anticipano ciò che sarà previsto nei contratti nazionali. "Decisione saggia durante la pandemia, ma unilaterale da parte del governo,  adesso la competenza spetterà, come deve essere, al datore di lavoro, ossia a ciascuna amministrazione e la regolazione avverrà attraverso i contratti. E' un grande passo avanti verso il lavoro agile strutturato" ha dichiarato.

No alla linea internet di casa per espletare il servizio, deve essere il datore di lavoro ad offrire questa opportunità con l'adozione di appositi strumenti tecnologici idonei a garantire la protezione dei dati personali, anche il lavoratore pubblico in smart working avrà diritto ad un riposo giornaliero non inferiore ad 11 ore come prevede il contratto di quello in presenza. 

Nelle linee guida viene spiegato che non si potrà eseguire lavoro agile in modo continuativo, per cinque giorni a settimana, ma si dovrà sempre alternarlo con il lavoro in ufficio. Si dovrà comunque garantire all'utenza lo stesso livello di servizi con un'adeguata rotazione dei lavoratori, conciliando vita privata e lavoro dei dipendenti.  Soddisfatta la UIL nel veder recepite alcune raccomandazioni, mentre CGIL, CISL e CONFSAL puntano il dito sulla tendenza a scavalcare la contrattazione. 

23_10_21

condividi su:
ELEXOS:
lavoro