Gennaio 2020

SALUTE

SANITÀ, I SINDACATI? LA CGIL ROMPE IL SILENZIO

sanità

Sulla Sanità il silenzio dei sindacalisti viene squarciato e qualcuno fa i primi timidi passi, lo fa la CGIL esortata da una lettera anonima che è soltanto il seguito di altre circolate in questi tempi in cui ad essere protagonisti sono le tre sigle sindacali. In questa ultima missiva firmata ‘un lavoratore’ si accusano i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di non essere più in grado di contrapporsi in modo costruttivo alla Direzione Generale (per motivi esposti in modo chiaro e particolareggiato) , smarrendo così il proprio ruolo di ‘salvaguardia dei diritti di tutti i lavoratori del comparto’. 

A questo punto la CGIL ha presentato un piccolo resoconto dell’attività svolta in questi ultimi tempi, inviandolo ai propri iscritti. Rimarcando il fatto che “pur mantenendo un dialogo equilibrato con l’attuale Direzione Aziendale, non troppo tempo fa esprimeva grande preoccupazione per la situazione del welfare reatino e della mancata ristrutturazione del sistema sanitario locale.”

Visto che stiamo tirando le somme non possiamo affermare che le cose siano molto cambiate da quel comunicato del 2018, nonostante i report delle attività aziendali vengano esposti in modo eccellente sia in comunicati stampa che in convegni ben organizzati

 “Noi crediamo fortemente che è solo grazie al grande sforzo dei professionisti sanitari che lavorano ormai da anni in condizioni estreme (carenza di organico, turni massacranti, attrezzature obsolete), che vengano raggiunti i risultati raccontati e non certo grazie alla buona organizzazione manageriale, la quale anzi spesso complica e mette in difficoltà il percorso. Ed è proprio per questo motivo che abbiamo intitolato questo volantino “E’ tutto ‘loro’ quello che luccica?”.

“Però ancora una volta vogliamo andare avanti – prosegue la CGIL per voce del responsabile CGIL FP Antonio Beccarini e Coordinatore Medici Giacinto Di Gianfilippo che affermano di ‘metterci la faccia’ e non volersi nascondere dietro l’anonimato – desideriamo quindi solo presentare a TUTTI I LAVORATORI il nostro impegno per tutelare i loro diritti” seguono una serie di rimostranze sindacali con tanto di numero di protocollo asl per la massima trasparenza e rintracciabilità dal 2018 al 2019.

Criticità che riguardano ad esempio i rapporti tra ruolo della Dirigenza Medica e quella Professioni sanitarie, riferiti alla gestione del personale di comparto; criticità del servizio di ‘Sala operatoria’; criticità apparecchiature alta tecnologia – criticità ingegneria clinica; liste d’attesa e diverse altre.

Domande a cui sono state date risposte precise? Criticità che sono state risolte?

#sanità
30 gennaio 2019

condividi su: