Giugno 2019

REPLICA DEL COMITATO GEMELLAGGI AI GRUPPI DI OPPOSIZIONE

politica

La Presidente del Comitato Gemellaggi del Comune di Rieti, Elisabetta Occhiodoro, ribatte a quanto dichiarato dai gruppi di opposizione  "Con Vignola abbaglio identitario"

“I gruppi di minoranza del Comune di Rieti forse hanno scambiato il Comitato gemellaggi per un Consiglio comunale e pensano di fare opposizione anche in questa sede. Dimenticano, però, che il Comitato gemellaggi è composto da tantissimi cittadini che, volontariamente e di tasca propria, organizzano una moltitudine di iniziative per promuovere Rieti e dare una mano al rilancio economico e sociale. In pochi mesi abbiamo raccolto moltissime energie cittadine, mettendo in campo una lunga serie di attività. Solo per citarne alcune: il miglioramento e il rafforzamento dei rapporti con Nordhorn, Saint Pierre Les Elbeuf e Ito, gli scambi degli studenti, la creazione di un albo delle famiglie ospitanti a Rieti, il patto d’amicizia nel segno dell’architetto Jacopo Barozzi con Vignola e Sant’Oreste, il gemellaggio con Padova nel nome di Sant’Antonio, il rinnovato gemellaggio con la spagnola Caleruega nel nome di San Domenico da Guzman, i meeting e gli incontri con realtà che possono far conoscere il nostro territorio. Ci criticano per il patto d’amicizia con Vignola? E’ chiaramente un tentativo maldestro di gettare discredito sull’azione del Comitato, tra l’altro commettendo un grossolano errore. Al contrario di quello che sostiene chi ci attacca, il patto d’amicizia con Vignola è stato sottoscritto per l’opera dell’architetto Jacopo Barozzi, detto ‘il Vignola’, nella chiesa di Sant’Antonio Abate e non per i giardini di Piazza Cesare Battisti. Insomma, chi ci attacca non conosce neanche la Città e fa finta di non vedere quanti risultati stiamo portando a casa. Inoltre, se la chiesa di Sant'Antonio Abate non fosse importante, seconda solo a quella del Gesù di Roma, la Sovrintendenza ai beni culturali non avrebbe fatto diversi sopralluoghi da novembre ad oggi e impegnato delle risorse in un progetto che vede anche la collaborazione delle Università di Roma e l'Aquila. A questo punto, ci chiediamo cosa abbiano fatto nel passato per la promozione della Città quelli che oggi ci accusano! L’ennesimo attacco al Comitato Gemellaggi è semplicemente un grande errore, che non fa male tanto a chi si impegna gratuitamente nel Comitato quanto all’intera Città di Rieti che, su certi temi, si aspetterebbe aiuto e supporto e non l’ennesima sterile e malevola polemica”.

 

18_06_2019

condividi su: