Ottobre 2019

TERMINILLO

REGIONE “L’OSPEDALE DI AMATRICE TORNERÀ NELLA STESSA AREA”

Uil “Scelta scellerata. Ripensateci”

ricostruzione

 

Come sarà il nuovo ospedale di Amatrice? " Posso preannunciare in esclusiva che ho avuto modo di vedere i primi plastici ed é un ospedale molto bello, che si inserisce nel contesto naturale dei Monti della Laga e di Amatrice. Sarà ricco di luce e sarà una struttura fondamentale per quell'area che ha subito un profondo dramma". Ha risposto così l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, durante un'intervista con l'agenzia Dire. L'ospedale sarà ricostruito nella stessa area dell'ex Grifoni."Da qui a trenta giorni verrà completata la progettazione esecutiva e andremo alla gara europea - ha spiegato D'Amato - Da quel momento prevediamo di avere l'ospedale completato in 24-36 mesi. Ci saranno dei passaggi con le comunità locali e con l'amministrazione comunale. Il progetto contiene anche la dimensione di 'ospedale di area disagiata’; ci sarà inoltre un'attenzione particolare alla riabilitazione, visto che avrà un modulo ad hoc perché c'e' una popolazione anziana che ha bisogno di avere la riabilitazione, e questo viene incontro alle esigenze poste dall'amministrazione comunale". Ma come sono state accolte queste dichiarazioni? “Ricostruire l’ospedale su un’area angusta, geologicamente fragile, senza possibilità reali di ampliamento della struttura, senza spazi per un’area parcheggio e per un accesso funzionale ai servizi sanitari, è un’idea stupida che ridimensiona sul nascere le potenzialità del nuovo nosocomio - commenta la Uil riassumendo molte altre posizioni - E’ questa la volontà della Regione Lazio? E la Regione Lazio conosce l’area in cui sorgeva l’ex Grifoni? Logica vorrebbe il nuovo ospedale sulla via Salaria una posizione più centrale al bacino di utenza di riferimento, facilmente raggiungibile ed attrattiva per altre realtà limitrofe anche extra regionali. Dice l’onorevole D’Amato che entro trenta giorni sarà pronto il progetto esecutivo e di seguito la gara di appalto, quindi ci saranno “dei passaggi con le comunità locali e con l’amministrazione comunale.” Scelte così importanti ed impegnative per il futuro di un’intera comunità vanno preventivamente condivise con il territorio che non può essere chiamato a ratificarle, come nel caso specifico. Il progetto Regionale è una riproposizione ammodernata, con piccola area di riabilitazione, del vecchio Grifoni una struttura ospedaliera inadeguata ai bisogni sanitari del territorio ed un peso economico insostenibile per la ASL di Rieti. La UIL di Rieti ritiene più funzionale la proposta dell’amministrazione comunale di Amatrice, condivisa anche dalla Curia Vescovile, della zona ex Don Minozzi quale location per un progetto più ampio di un’area ospedaliera, di riabilitazione e di servizi socio sanitari integrati".

Parlando di edilizia sanitaria, D'Amato ha sottolineato che e' prevista anche la realizzazione del nuovo ospedale di Rieti, con un investimento di oltre 180 milioni di euro".

condividi su: