Gennaio 2021

LA PROVINCIA CONSEGNA IL PRIMO MODULO SCOLASTICO. "E' L'AZIONE CHE CI QUALIFICA NON LE PAROLE"

Questa mattina è avvenuta la consegna da parte della Provincia del primo modulo scolastico composto da dieci aule, per circa 200 alunni, e destinati all’Istituto Magistrale ‘Elena Principessa di Napoli’. Presenti il Presidente Mariano Calisse e la consigliera con delega all’edilizia scolastica Claudia Chiarinelli che hanno mostrato alla stampa e ai pochi altri intervenuti in rappresentanza dell’istituto, causa norme anticovid, il prefabbricato.

“Bella giornata per la scuola superiore di Rieti  con cui risolviamo i problemi derivanti addirittura dal sisma del 2016 – ha dichiarato Calisse -  Nelle varie riunioni che abbiamo avuto dal nostro insediamento con i genitori degli studenti ed il personale didattico, non si era mai trovata una vera soluzione se non quella di trasferire gli studenti in varie succursali, trovate con contratti d’affitto con privati. Da allora si era compreso che l’unica soluzione sarebbero stati i moduli. La pandemia ha sboccato la situazione con l’apertura di un bando a livello nazionale al quale la Provincia ha risposto con un buon progetto realizzando  in due mesi questo primo modulo già operativo che ci dà certezza e tranquillità. Qui gli studenti troveranno sia il distanziamento necessario che il sistema di aerazione a norma anticontagio e finalmente quella resistenza antisismica che tutti, istituzioni, genitori e studenti, hanno preteso fino ad oggi. Il cerchio si chiuderà con la consegna delle uteriori 30 aule al PalaMalfatti e il termine dei lavori di Palazzo Aluffi che permetterà il trasferimento in piazza dell’Università dall’edificio dei Geometri, restituendo altre venti aule.”

“Non vorrei sembrare ridondante ma mi sento di ringraziare tutto lo staff dell’edilizia scolastica della Provincia, i miei dirigenti, i miei collaboratori: hanno lavorato di buona lena per dare risposte con i fatti alle problematiche della popolazione scolastica - ha detto con orgoglio Claudia Chiarinelli -  Questa è la prima porzione modulare pronta, tra pochi giorni saranno consegnati i moduli di Passo Corese, poi sarà la volta del complessino scolastico che sorgerà nel terreno adiacente il PalaMalfatti e che ospiterà lo Scientifico e il Rosatelli. Entro gennaio avremo risolto il problema degli spazi per un bel po’ di tempo, essendo in dirittura d’arrivo anche i lavori di Palazzo Aluffi che ospiterà, come detto dal Presidente, due facoltà universitarie liberando circa 20 aule. E’ l’azione che ti qualifica, non le parole. Questa è la risposta concreta alle istanze della popolazione scolastica: siamo orgogliosi di sottolineare come non si tratti di un container ma di un prefabbricato di altissimo livello sotto ogni punto di vista, realizzato  da una impresa locale, la  Ler la ditta che ha vinto l’appalto, lavorando incessantemente anche di domenica dimostrando che non abbiamo bisogno di cercare altrove le professionalità.”

Pur essendo competenza della Provincia, la consigliera Chiarinelli ha voluto ringraziare anche il Comune per aver sempre lavorato in sinergia e l’ha fatto dando la parola a Letizia Rosati, insegnante e consigliera con delega alle politiche scolastiche dell’amministrazione comunale che ha auspicato un ritorno al più presto alla didattica in presenza ed al recupero di quegli spazi necessari alla crescita culturale dei ragazzi, richiamandoli alla massima scrupolosità  nell’osservanza delle regole anticontagio. Apprezzamenti sono stati manifestati anche dal sindaco Cicchetti che ha approfondito vari aspetti con i tecnici presenti.

04_01_21

condividi su: