Giugno 2019

SALUTE

PRONTO SOCCORSO ALLO SBANDO: ANCHE PER ANZIANI E DISABILI ATTESE DI 24 ORE PER UN POSTO LETTO

sanità

"Constatiamo con grande amarezza che dai nostri ultimi, accorati appelli, nulla è migiorato nella Sanità Reatina ed in particolar modo all’interno del nostro Ospedale “San Camillo De Lellis” - scrive il gruppo consiliare Fratelli d'Italia - Tra le numerose criticità dobbiamo segnalare un momento molto difficile per il  pronto soccorso del nostro nosocomio, ingolfato dai numerosi accessi quotidiani e dalla carenza di posti letto. Questa situazione comporta attese estenuanti per un posto letto, che hanno toccato anche le 24 ore, mentre i più vengono collocati su barelle di fortuna nei corridoi creando difficoltà all'operato del personale del triage, dai medici, agli infermieri ai quali và un grande plauso per la pazienza e l’amore che profondono nel proprio lavoro.

La cosa più grave è che tale situazione non risparmia nemmeno anziani e disabili, che per le loro condizioni di fragilità avrebbero bisogno di un trattamento particolare e di un assistenza infermieristica continua, mentre troppo spesso vengono relegati nelle anguste stanzette del progetto “Anchise”, altra operazione di facciata in quanto priva  di personale infermieristico ausiliario, per il quale l'assistenza è delegata ai familiari.

Investire sul pronto soccorso deve essere una priorità, un'azione da anteporre ai decantati investimenti su formazione, prevenzione, creazione della Centrale dell’integrazione Socio Sanitaria, delle posizioni organizzative e delle figure delle Bed Manager, che, se pur importanti , sono sicuramente secondari rispetto al servizio primario in questione.

Una buona governance deve migliorare la qualità dei servizi per il territorio e non semplicemente ridurre la spesa risparmiando sui servizi essenziali ma trovare criteri diversi per ridurre la spesa pubblica, mettendo in primo piano il benessere dei cittadini".

 

11 luglio 2019

condividi su: