Aprile 2018

NEWS

PARCHEGGIO, NOME 'NON SIAMO I SOLI AD ESSERE SDEGNATI'

Diamo ancora tempo - poco - alla politica per sostenere unitariamente uno sforzo civico

parcheggio ospedale

"Ha ragione Ferroni quando dice che Rieti ha ben altri problemi che un parcheggio.

Che uno di questi sia proprio il “Consorzio”? Un Ente che ha voluto generare un macigno delle dimensioni di oltre 6 milioni di Euro a carico dei malati, in spregio alle questioni etiche e sociali che finalmente iniziano a fare capolino nelle dichiarazioni ufficiali dai “tavoli di concertazione”. Un macigno su cui pesano, per la metà, non solo i 2,5 milioni di Euro destinati a coprire i bilanci del Consorzio, ma anche, in termini “etici”, i 10.000 Euro attribuiti alla commissione di gara per aprire 2 buste. Un macigno ulteriormente aggravato, in termini sociali, psicologici e morali, dall’atteggiamento da padrone, un atteggiamento quasi brutale sulle aree pubbliche di AJ Mobilità, a cui evidentemente è stata concessa “carta bianca”.
Ha talmente ragione Ferroni, che rinnoviamo la richiesta - ribatte NOME - per cui il Consorzio rinunci a questo balzello da latifondista, dimezzi l’importo della sosta e avvii da subito un ragionamento progettuale e condiviso tra tutti gli Enti coinvolti per l’individuazione di aree per la sosta gratuita. Altrimenti eviti la partecipazione a “tavoli di concertazione” comunque denominati. Almeno eviterà di far perdere tempo a chi, tra i cittadini e nelle istituzioni, sta cercando una via di uscita ad un problema creato da altri.
Per nostro conto, continuiamo a sostenere lo sforzo dei liberi cittadini che stanno mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie risorse per la petizione che ha già raggiunto l’obiettivo delle 800 sottoscrizioni, ma che è stato deciso di portare avanti. Riscontriamo ed apprezziamo lo sforzo del M5S di Rieti, unico ad aver espresso e tenuto, con Lodovica Rando, una posizione ufficiale, diamo ancora tempo alla politica per sostenere unitariamente uno sforzo civico."
NOME Officina Politica
condividi su: