Giugno 2020

NOME TORNA SUL DIBATTITO POLITICO FARMACIE-ASM

politica

NOME Officina Politica riprende il dibattito sulle farmacie ASM  "Il Comune di Rieti ha preferito non rispondere nel merito alle considerazioni di NOME Officina Politica circa la vendita delle farmacie comunali, scegliendo invece solo di rassicurare il centrosinistra che le stesse saranno vendute bene e non svendute. Il centrosinistra, a sua volta, insiste sul tema facendo i conti in tasca  ad Azimut (socio privato di ASM), che se liquidato guadagnerebbe rispetto a quanto investito (secondo loro quindi sarebbe scandaloso che un investitore guadagni, secondo noi è banalmente solo il suo mestiere). 

Nella nostra nota invece Fabio Andreola evidenziava i motivi politici per cui sarebbe sbagliato vendere le farmacie comunali, elencando le ripercussioni sulla salute pubblica e i disservizi arrecati ai cittadini, soprattutto in un mezzo ad una grave pandemia. Su questo non solo tace il Comune, ma tace anche il centrosinistra. 

Sul Sole 24 Ore di ieri è stato pubblicato un articolo sulla nuova sanità e l’assistenza territoriale (qui il link: https://www.ilsole24ore.com/art/la-nuova-sanita-caccia-infermieri-famiglia-ecco-mappa-assunzioni-ADO50jV). In questo articolo, in cui si parla di molti progetti tra cui l’assunzione di infermieri di famiglia etc., Antonio Gaudioso (segretario generale di Cittadinanzattiva, recentemente nominato dal Ministro Speranza nella Commissione LEA), dichiara guarda caso: “È importante la creazione di nuove figure o strumenti, ma bisogna anche investire su quanto già esiste come i medici di famiglia, i pediatri, le farmacie di comunità, adattando l’offerta alle necessità del territorio”."

Già, le farmacie di comunità, proprio quelle che il nostro sindaco vuole invece vendere.

10_06_20

 

 

condividi su: