Dicembre 2018

SPORT

MR CHÉU "IL MONOPOLI UNA SQUADRA IN SALUTE, MA NON SIAMO INFERIORI A NESSUNO"

calcio

Le dichiarazioni di mister Chéu: “Domenica ci aspetta una partita difficile contro una squadra in salute che non perde da nove gare. Una squadra molto difensiva che sa aspettare e colpire gli errori degli avversari. Noi siamo pronti ad affrontare questa squadra che punta in alto, abbiamo la nostra strategia che è sempre la stessa: fare i tre punti. La nostra squadra ha ben 4 capitani che sono quelli decisi ad inizio stagione. Abbiamo delle difficoltà per quanto riguarda gli indisponibili, Diarra e Vaslieiou hanno uno la febbre e uno un problema al tendine rotuleo, domani mattina li valuteremo, mentre Gallifuoco è indisponibile per gravi problemi familiari. Sicuramente dobbiamo andare con la giusta mentalità, in questo momento non siamo inferiori a nessuno e tutto quello che possiamo controllare dobbiamo sfruttarlo al massimo. Sicuramente dobbiamo migliorare sugli episodi che sono quelli che decidono la partita. Però questa squadra per ora non ha avuto gravi problemi muscolari e questo dimostra come lavoriamo da inizio stagione, poi ci sono cose che dobbiamo migliorare per crescere. Dopo la settimana scorsa che ci ha visti impegnati in tre partite con una lunga trasferta sarebbe stato meglio riposare, ma ora ci prepariamo a questa trasferta lunga di Monopoli per poi fare altre due partite, fortunatamente in casa. Preferisco che il 24 e il 25 i ragazzi lo passino in famiglia perché fa bene alla testa, ma dal 26 si torna sul campo per preparare la gara con il Catania. Giocare in casa durante questi giorni di festa è sicuramente un vantaggio, vedremo se si potrà giocare con il Matera per i quali sono molto dispiaciuto. Non mi piace che una squadra sia in difficoltà perché so cosa significa e credo che questo non sia il vero calcio, pensare che possa giocare la Berretti mi fa arrabbiare perché non sarebbe vero calcio. Per noi l’importante è restare in Serie C e non dobbiamo pensare alle altre situazioni perchè siamo dei professionisti e dobbiamo pensare a noi stessi.”

condividi su: