Marzo 2020

LIMITATE LE ATTIVITÀ AL DE LELLIS

Ecco il piano di sospensione per ogni ambito ambulatoriale

Al fine di contenere il propagarsi dell'Infezione tra soggetti fragili (anziani, persone con comorbilità, etc.) tenuto conto della numerosità dell'utenza che accede al presidio e delle caratteristiche logistiche del medesimo, su indicazione del presidente dell'Unità di Crisi, come condiviso con i Direttori di Dipartimento e di Unità Operativa, si dispone la seguente riduzione delle attività ambulatoriali con decorrenza martedì 10 marzo p.v.:
Sala Prelievi: sono garantiti solo 50 prelievi al giorno, su prenotazione, e scaglionati su ampia fascia oraria, esclusivamente per controlli salvavita (controlli per oncologici, trapiantati, etc..). Il prescrittore dovrà apporre sulla ricetta cartacea la diIzione 'controllo salvavita' (da inserire nel campo della diagnosi, associata alla priorità U).
Centro TAO: non subirà variazioni. L'accesso dell'utenza dovrà essere diluito su una fascia oraria più ampia (la Dr.ssa Gentileschi emanerà disposizioni nel merito). La Responsabile del centro trasfusionale si avvarrà dell'ausilio degli specialisti del presidio abilitati alla prescrizione dei NAO al fine shiftare i pazienti eventualmente eleggibili all'utilizzo degli anticoagulanti orali diretti. Si invitano i Dirigenti Medici, in particolare cardiologi ed internisti/geriatri, a fornire la massima collaborazione.
Diagnostica per Immagini: sono garantite solo le prestazioni di follow up e screening oncologico e quelle con priorità U e B. Il Direttore della Radiologia aumenterà la capienza di tali agende, di concerto con la Dr.ssa Rossi e Micheli.
Pneumologia: sono garantite solo agende per patologie con priorità U e B. Le agende, pertanto, manterranno le prenotazioni per i pazienti già in tali classi e le restanti disponibilità saranno trasformate in U e B.
Medicina Interna: sono garantite le sole attività di controllo dei soggetti in terapia con NAO (in condivisione con Geriatria), chiusura delle restanti attività. 
Geriatria: sono garantite le sole attività di controllo dei soggetti in terapia con NAO (in condivisione con Medicina) e di medicina nutrizionale, chiusura delle restanti attività.
Cardiologia: sono garantiti solo slot per visite U e B, per esecuzione di visita ed ECG (no ecocardio, ECG svincolato dalla visita cardiologia, test da sforzo ed holter) dimensionati come d'intesa tra il direttore della UOC e la Dr.ssa Rossi.
Gastroenterologia: chiusura degli ambulatori per breath test e degli slot ambulatoriali per le visite gastroenterologiche con priorità D e P. Sono garantite le gastroscopie e le colonscopie in quanto rilevanti per la diagnostica oncologica.
 Reumatologia: sono garantite le attività di DH, dove afferiscono pazienti immunocompromessi per esecuzione di terapie salvavita (adozione di precauzioni come lavaggio mani, distanza di sicurezza, mascherina chirurgica, etc). Si lasciano, pertanto, invariate anche le attività ambulatoriali ma la UOSD distribuirà gli appuntamenti su un intervallo di tempo più ampio, al fine di ridurre il sovraffollamento.
Diabetologia: non subirà variazioni. La responsabile gestirà i controlli in teleconsulto, là dove possibile, per ridurre il numero di accessi e provvederà a redistribuire le visite su un intervallo di tempo più ampio.
Oculistica: sono garantite solo le visite con priorità U e B e le visite per glaucoma. Saranno mantenuti alcuni slot per attività strumentale concordando le attività con la Dr.ssa Rossi.
Neurologia: sono garantite le attività per i pazienti con SLA e Neuropatie con alterazione del sistema immunitario. Per le restanti attività si manterranno i controlli dei pazienti affetti da stroke e le visite U e B, con dimensionamento delle agende che sarà condiviso dal Direttore
della UOC con la Dr.ssa Rossi.
Ortopedia: sono garantite le attività di sala gessi e le prestazioni con priorità U e B, con sospensione delle rimanenti prestazioni.
Chirurgia Vascolare: sono garantite le prestazioni con priorità U e B, con sospensione delle rimanenti prestazioni.
Chirurgia Generale: sono garantite le visite/prestazioni per pazienti oncologici e quelle con priorità U e B, con chiusura per le rimanenti prestazioni.
Otorinolaringoiatria: sono garantite le visite/prestazioni per pazienti oncologici e quelle con priorità U e B, con chiusura per le rimanenti prestazioni.
Urologia: sono garantite le visite/prestazioni per pazienti oncologici e quelle con priorità U e B, con chiusura per le rimanenti prestazioni.
Ginecologia: sarà attuata da direttore della UO una riduzione delle attività diagnostica, limitandola alle classi A e B. Sono invariate le attività di diagnostica ostetrica.
Psichiatria: saranno trattati i casi urgenti ed indifferibili a giudizio della UOC di riferimento 
nel pieno rispetto delle norme igienico sanitarie di carattere generale emanate.
Pediatria: è temporaneamente sospesa l’attività ambulatoriale, ad eccezione delle visite in
classe U e B, nonché tutta l’attività ambulatoriale neonatologica.
Fisiatria: chiusura di tutte le attività ambulatoriali.
Odontoiatria: chiusura di tutte le attività ambulatoriali.
Restano invariate le restanti attività applicando, ove possibile, la redistribuzione degli accessi su una fascia oraria più ampia ed il rispetto delle prescrizioni igienico sanitarie inviate dal Ministero della Salute e dalla Regione Lazio.
In tutti i casi, anche là dove non espressamente esplicitato, sono consentite le prestazioni oncologiche, chemioterapiche, le attività di rinnovo dei piani terapeutici, i controlli post-intervento/ricovero e l';esecuzione di indagini/prestazioni salvavita/salva-organo. Ove possibile dovrà essere privilegiata l’attività a distanza (ad es. rinnovo del piano terapeutico previa valutazione delle analisi trasmesse via mail e colloquio telefonico, anche con videochiamata).
Saranno possibili eventuali rimodulazioni delle attività sulla base dell'evoluzione dello scenario epidemiologico.
A seguito delle rimodulazioni organizzative di cui sopra e di conseguenza del recupero di risorse infermieristiche, il Dr. Falchetti è invitato a presentare alla Direzione Aziendale un piano di ricollocazione del personale anche prevedendo sulla base della valutazione del potenziale, delle
competenze distintive e delle eventuali idoneità specifica alla mansione con prescrizione, una misura compensativa oraria da rendere successivamente nei periodi di maggior richiesta e condividerà con la DMO l'utilizzo di alcune unità di personale con limitazioni, per consentire la
piena applicazione delle restrizioni di accesso alla struttura per gli accompagnatori, disposte con precedenti provvedimenti.

condividi su: