Febbraio 2021

MOSTRE

“LA SABINA DI GIACOMO CAPRIOLI” UNA MOSTRA E UN LIBRO ALL'ARCHIVIO DI STATO

cultura, storia

Tornano le mostre all’Archivio di Stato di Rieti. Venerdì 5 febbraio, dalle ore 15.30 alle ore 18, sarà infatti aperta al pubblico, nel rispetto delle normative per il contrasto al Covid-19, la mostra “La Sabina di Giacomo Caprioli”, dedicata all’archeologo, storico, giornalista nonché disegnatore e caricaturista originario di Capradosso e vissuto tra il 1885 e il 1959.

L’occasione per tornare a parlarne è la donazione dell’ultimo scampolo del suo archivio che la famiglia ha di recente trasferito presso l’Archivio di Stato di Rieti integrando la documentazione che era stata donata fin dalla fine degli anni Novanta del Novecento e il nuovo testo realizzato dal direttore dell’Archivio reatino, Roberto Lorenzetti, dal titolo “La Sabina di Giacomo Caprioli. Dalle rappresentazioni storiche del Reatino alle lettere figurate dal fronte tridentino”, edito da Il Formichiere e dedicato agli studi e alle opere dell’intellettuale autodidatta.

La mostra presenterà parte della collezione dei quadri che lo studioso teneva nella sua abitazione e delle carte più intime che gli eredi avevano conservato e che riguardano soprattutto l’epistolario tra Caprioli e Alfonsina Pirani, la donna che diventerà sua moglie, durante il periodo della Grande Guerra. È un notevole corpus di lettere dal fronte del quale fanno parte numerosi disegni utilizzati come cartoline inviate ad Alfonsina che Giacomo Caprioli realizzava con i pochi mezzi che aveva a disposizione in quel frangente.

L’allestimento, oltre l’esposizione dei quadri, è dedicato anche a una parte delle centinaia di disegni che Caprioli ha realizzato immortalando la Rieti più antica, i reperti archeologi nel territorio sabino e del Cicolano, il mondo contadino e il francescanesimo nonché le scene tratte dal fronte della guerra del ‘15-‘18.

Ai visitatori sarà distribuito il volume dedicato a Caprioli e promosso dall’Archivio di Stato di Rieti in collaborazione con la Direzione generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio e Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche del Mibact.

L’accesso alla mostra è gratuito e successivamente alla inaugurazione sarà possibile visitarla esclusivamente il lunedì e il mercoledì dalle ore 11.30 alle ore 13 e dalle ore 14.30 alle ore 17. Si ricorda che è obbligatorio l’uso della mascherina e il rispetto del distanziamento. L’accesso alle sale è contingentato.

 01_02_21

 

condividi su: