Settembre 2018

REGISTRO DI CLASSE

L'ATTUALITA' DEL METODO MONTESSORIANO

"Una sorgente d'acqua nuova per la scuola reatina"

formazione

(di Viviana Stanzione) È possibile che una proposta nata più di un secolo fa sia ancora attuale per i bambini di oggi?
Questa la domanda a cui Benedetto Scoppola, presidente dell’Opera Nazionale Montessori ha cercato di rispondere durante il convegno "L’attualità del metodo montessoriano" tenutosi  presso l’ Auditorium Varrone di Rieti.
Partendo dagli studi di Maria Montessori sulla geometria euclidea Scoppola e la formatrice montessoriana Susanna Castellett, hanno dimostrato come gli alunni, partendo dalla manipolazione di alcuni oggetti costruiti appositamente, e attraverso il "saper fare"  fanno esperienza concreta di concetti geometrici e matematici (pensiamo alle scale e alle piramidi di legno o agli incastri).
E tali idee sono rivolte non solo agli alunni dell’infanzia ma, con strumenti diversi e ugualmente interessanti, anche agli alunni della primaria e della secondaria.
Vivace è stato il dibattito che ha seguito la relazione e che ha visto insegnanti, genitori e amministratori interrogarsi su questi e altri temi. Ad introdurre gli interventi, la Dirigente dell’ I.C. Marconi Sacchetti, istituto promotore dell’iniziativa, Mirella Galluzzi. La dirigente ha colto l’occasione per ringraziare, come più volte ha dichiarato, tutte le realtà che hanno contribuito a realizzare questo progetto che, come fine ultimo vedeva la realizzazione di una sezione Montessori e che sarà inaugurata mercoledì 12 settembre presso i locali del Don Giussani in via Lama a Quattro Strade. In particolare la dirigente ha ringraziato tutti i genitori che le hanno dato fiducia, poiché da loro é nata l’idea e la richiesta di una scuola a metodo Montessori;  la comunità scolastica Marconi Sacchetti che ha collaborato a questo progetto da subito; l’amministrazione comunale, rappresentata dall'Assessore  alle politiche sociali Giovanna Palomba, e dal Consigliere con delega alla scuola Letizia Rosati, presente nella doppia veste di insegnante e consigliere e che ha definito il convegno "Un momento di festa per la scuola reatina"; il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale Giovanni Lorenzini che ha fortemente appoggiato questa iniziativa definendola "Una sorgente di acqua nuova per la scuola di Rieti, da cui attingere in un momento di forte emergenza educativa"."Invece di parlare ancora di tagli, per una volta parliamo di un investimento che può arricchire la città" così, invece,  è intervenuto, in rappresentanza della Fondazione Varrone il dott. Lorenzetti. Un evento, una festa che ha attirato insegnanti di diverse scuole della provincia, educatori, pediatri, studenti e genitori.

condividi su: