Agosto 2019

LABORATORIO ANALISI OSPEDALE DI RIETI. DEPOTENZIAMENTO SOSPESO SINO AL 2020, MA NON ANNULLATO

sanità

Il Coordinamento Reatino per il Diritto alla Salute e Politiche Sociali, avendo preso atto del Decreto sulla riorganizzazione della Rete dei Laboratori Analisi dell'Ospedale de Lellis di Rieti, si era riservato di leggerne il testo per una valutazione attenta e approfondita.
Queste le considerazioni espresse:

"-Apprendiamo che PERMANE la configurazione già prevista della rete dei laboratori analisi che prevede 6 laboratori Hub di cui 3 collocati nel territorio di Roma Capitale e 3 nelle province di Frosinone, Latina, Viterbo.

- Si prende atto che " ...le attività finalizzate al consolidamento delle singole reti, hanno subìto notevoli difficoltà attuative a seguito del grave evento sismico che ha colpito il territorio reatino" per cui, su istanza formulata dalla ASL di Rieti (in via transitoria e in deroga al DCA 219/2014) è concesso al laboratorio analisi del de Lellis di mantenere tutte le attività, sin qui espletate, fino al 31/12/2020, salvo proroga. 

-Viene confermata la gestione centralizzata del laboratorio Hub di riferimento (S. Filippo Neri/ Asl Roma 1) che valuterà la qualità clinico-assistenziale del laboratorio reatino e si occuperà di tutte le procedure allo stesso inerenti.

A tal proposito si evidenzia che il laboratorio resta di fatto sotto il controllo dell'Hub romana di riferimento.

Riteniamo, quindi, che il passo in avanti fatto ad oggi sia molto piccolo e soprattutto a "scadenza". Ciò non rassicura affatto sul futuro del nosocomio reatino, tanto più che non si fa menzione del centro Trasfusionale e men che meno dell' Anatomia Patologica.

Il COORDINAMENTO TORNA A CHIEDERE ASCOLTO E CONFRONTO CON TUTTI GLI ATTORI ISTITUZIONALI  sui temi esposti negli ultimi mesi, che vogliamo ricordare nuovamente:

- Decreto per il riconoscimento del laboratorio analisi Rieti Hub ( come per il resto degli altri capoluoghi regionali)

-Modifiche sul prospettato depotenziamento dell' Anatomia Patologica con obbligo del trasferimento a Roma dei pezzi istologici per la lettura degli stessi.

- Ritiro del Decreto sull’immunotrasfusionale che prevede Rieti solo punto di raccolta delle sacche di sangue per il Centro del San Filippo Neri di Roma

-In particolare torniamo a chiedere l'applicazione dell'art 17 bis legge 45/2017 a salvaguardia e potenziamento dei servizi sanitari in area sismica, che ha già trovato applicazione nella vicina Regione Abruzzo, e senza il quale ogni programma di miglioramento e richiesta di risorse sarebbe inevitabilmente bloccato dalle ferree limitazioni del Decreto n° 70/2015 Balduzzi/Lorenzin e dalle norme della Spending Review del Governo Monti."

condividi su: