Gennaio 2021

TERMINILLO

LA STAGIONE FELICE DEL TERMINILLO: CONFERENZA STAMPA PER IL TSM2

amministrazione

Una stagione incredibile per la nostra montagna, tornata a vivere dopo un lungo letargo, proprio grazie alle regole imposte dalla pandemia. Non  si ricordava tanta neve da oltre un decennio. Arriva quindi con un sincronismo perfetto una notizia attesa da lungo tempo: il parere positivo alla Valutazione di incidenza ambientale per il progetto TSM2  da parte della Regione Lazio, progetto di rilancio del Terminillo con la realizzazione di 36 km di piste, 9 nuovi impianti, l’ammodernamento dei 7 esistenti, 6 rifugi, 2 bacini di raccolta per impianti di innevamento programmato, utilizzabili in estate con funzioni antincendio e di abbeveratoio. La cronistoria di questa lunga vicenda è stata riproposta oggi durante la conferenza stampa nella sede della Provincia, con il Presidente Mariano Calisse, il consigliere delegato, Maurizio Ramacogi,  insieme all’Ufficio Tecnico, ai progettisti e valutatori.

“Oggi è stata una bella giornata. Abbiamo dato la possibilità ai tecnici che hanno lavorato  in ottica di coordinamento di far capire alla stampa e agli addetti ai lavori, le differenze tra i due progetti – commenta orgogliosamente il presidente  Calisse - Abbiamo parlato dei tagli operati dalla Regione, vedremo quale impatto avranno sul business plan che regge il progetto stesso ed abbiamo iniziato a discutere per tracciare la strada così da arrivare nella maniera più veloce possibile a iniziare a realizzare qualche opera già finanziata ai Comuni.”

Quale sarà il primo passo esecutivo?
“Immagino la ristrutturazione degli impianti esistenti soprattutto quelli più utilizzati e la realizzazione di un impianto di innevamento finalmente efficace”.

Chi finanzierà il completamento del progetto?
“I Comuni hanno ora circa 12milioni di euro (dei 20 mln impegnati dalla Regione dobbiamo sottrarre costi di progettazione e quanto già speso da Leonessa n.d.r.) che non sono pochi, andranno aggiunti fondi accedendo a mutui, finanziamenti privati ma nulla vieta che governo e Regione decidano di aumentare la parte pubblica.”

Tempi per vedere realizzato quanto abbiamo ora su carta?
Non so dirlo, ad oggi  come Provincia abbiamo esaurito il nostro ruolo nel miglior modo possibile. Abbiamo lavorato e coordinato tutti per arrivare a consegnare un progetto con i pareri più importanti dal punto di vista ambientale. Se i Comuni vorranno daremo ancora il nostro supporto tecnico. Ipotizzo che entro un anno sia conclusa la parte esecutiva augurandomi che le varie amministrazioni possano far partire gare d’appalto”.

09_01_21

condividi su: