Marzo 2019

JS PARLA FRANCESCO CIMMINO "IL LOCALE NON E' IN ZONA R4 (RISCHIO MOLTO ELEVATO)"

impresa

(di Gre.gra)  La vicenda inizia venerdì...

“Veramente ha origine nel 2014 - dice Francesco Cimmino, socio del pub John Silver, con tono amareggiato. Comprensibile, lui e il conosciutissimo Giorgio, divenuto ormai metonimia della stessa locanda, imperversano nelle cronache cittadine da molti anni, da quando il  vicino di casa, sotto gli occhi di tutti, ha iniziato la campagna dal sapore vessatorio nei confronti dell’attività, al completamento dei lavori della terrazza lungo fiume. 

“Abbiamo ricevuto la comunicazione venerdì, non proprio un fulmine a ciel sereno. Il nostro legale, che si occupa degli incartamenti sulla questione, aveva più volte scritto per non avere risposta. Da lì abbiamo cominciato a subodorare la possibilità che le cose non si svolgessero proprio con esito positivo nei nostri confronti“

C’è stata la mobilitazione dell’intera comunità nei confronti della vostra causa 

“Si e questo ci ha spinto a sedere intorno ad un tavolo scegliendo cosa fare, arrendersi o proseguire nella querelle. Abbiamo quindi deciso di continuare con tutti i mezzi di legge a nostra disposizione. Staremo a vedere. Il dato certo è che non lavoriamo in un clima sereno, anzi. Ho letto anche, in questi giorni, che si stia rimettendo in discussione la collocazione nella fascia di rischio idrico, chiarisco una volta per tutte quello che nelle carte è scritto nero su bianco: la nostra zona, da tavole regionali, è stata classificata r2 non r4 (rischio molto elevato, ndr) ed è il frutto di un lavoro che ha visto continue incursioni nel nostro locale, tenuti, sotto stretto controllo”.

Al momento si parla solo zonizzazione alla quale, stando a quanto dichiarato dall’amministrazione comunale lunedì, si lavora affinché un limite datato come quello fissato dalla Regione Lazio, possa essere rivisto ed adeguato.

Quanti dipendenti conta il John Silver in estate?

“Lo scorso anno eravamo 12, tutti con inquadramento a norma di legge”.

condividi su: