Giugno 2020

PROVINCIA

IL PRESIDIO DEI VIGILI DI AMATRICE, SE SI TOLGONO I SERVIZI SI VUOLE L’ABBANDONO

politica
 
"Possibile che ancora una volta si debba sentire parlare di chiusura del presidio dei Vigili del fuoco di Amatrice? Possibile che non si riesca a dare a questi territori una visione futura che si può avere SE E SOLO SE si mantengono i servizi essenziali? - si chiedono 
Giorgio Cortellesi, Filippo Palombini, Roberto Serafini del gruppo di minoranza al comune di Amatrice - Concordiamo pienamente con la preoccupazione del Sindacato FNS CISL e del Sindaco di Cittareale Francesco Nelli, il quale insieme al Comune di Amatrice in passato ha difeso più volte un presidio di territorio quale servizio essenziale per la popolazione dell’Alta Valle del Velino. 
 
Possibile che ancora non si riesca ad avere una visione strategica sulla sopravvivenza di questi territori, una sopravvivenza che non può prescindere dalla garanzia di mantenimento dei servizi essenziali?
 
Le aree interne non avevano voce in capitolo prima del terremoto, e per un periodo è sembrato che, proprio per la tragedia accaduta, fosse possibile trovare strategie di unione che potessero fronteggiare lo spopolamento. 
Ora invece ci sembra si sia tornati agli storici personalismi e divisioni. 
E così che trovano spazio coloro che, in nome di una fantomatica spending review, fanno scelte che non fanno altro che privare i cittadini della speranza di poter rimanere.
 
Esortiamo l'attuale Sindaco di Amatrice a sostenere con forza questa battaglia che è a tutela di tutto il territorio".
condividi su: