Ottobre 2019

IL PASTIFICIO STRAMPELLI APRE AD AMATRICE E DONA ALLA CROCE ROSSA PACCHI DI PASTA PER I BISOGNOSI E I VULNERABILI

solidarietà

(di SimoVu) Grande la generosità dell' azienda Strampelli che ha riaperto i battenti dell'attività nel territorio devastato dal sisma e nonostante la desolazione, il vuoto interiore e il cuore abbattuto ha trovato la forza per riaprire e ripartire. Il tempo di soddisfare la burocrazia, aprire il cantiere, allestire la struttura di legno lamellare e rimettersi in gioco. Ad Amatrice si sa la salvezza dell’economia parla ancora a tavola e questa pasta di alta quota ne è ancora una volta la dimostrazione. Un posto unico accanto alle fonti del Monte Velino e Monte Pizzuto, nel comprensorio dei Monti della Laga nel Parco Nazionale del Gran Sasso. I posti meravigliosi e la natura incontaminata invocano il rispetto delle tradizioni e le passioni artigianali come la produzione della pasta dal cuore italiano 100%, trafilata al bronzo ed a lenta essiccazione, una produzione selettiva e versatile per la preparazione dei piatti storici locali quali la Amatriciana e la Gricia. Spaghetti e bucatini, rigatoni e mezze maniche consentono la realizzazione delle ricette conosciute in tutto il mondo. Chi ha provato la precarietà ed il dolore di perdere tutto in un attimo non dimentica lo stato del disagio e la qualità della solidarietà si sviluppa in modo incondizionato ricordando chi non ha un posto al coperto dove mangiare e chi vive lo stato di povertà e così la famiglia Leoncini, proprietaria del pastificio Strampelli di Amatrice ha riempito il doblò della Croce Rossa di Rieti e donato tanti pacchi di pasta che sono andati all'Emporio Solidale per essere distribuiti alle famiglie in stato di accertato stato di difficoltà economica ed ai vulnerabili e bisognosi. I volontari hanno caricato i mezzi e fatto ritorno in città con le fragranze che profumano d'amore per il prossimo e che confermano quanto il donare riesca a dare gioia ed a tenere accesa la speranza in chi vive nel dolore e nell'  instabilità della povertà.

condividi su: