Febbraio 2020

SALUTE

GUARDIA DI FINANZA CONTRO I RINCARI INGIUSTIFICATI DEI DISPOSITIVI SANITARI

sanità

La Procura di Milano  ha aperto nella giornata di ieri  un’inchiesta contro ignoti per il reato di "manovre speculative su merci" a causa della vendita, soprattutto online, a prezzi superiori a quelli di mercato di prodotti come mascherine e gel disinfettanti richiesti per arginare il diffondersi del coronavirus e sempre più difficili da trovare nelle farmacie. Per esempio pacchi da 50 mascherine antipolvere (che non riescono a bloccare il passaggio dei virus) e chirurgiche (quelle consigliate per ridurre i rischi di contaminazione) vengono vendute online a 50 euro e in alcuni casi anche a 100 euro, una cifra di molto superiore a quella di mercato in situazioni normali. Sempre lunedì l’associazione dei consumatori Codacons aveva presentato a 104 Procure in tutta Italia un esposto per le speculazioni sui prezzi di gel igienizzanti e mascherine: per le mascherine si sono registrati rincari fino al +1700%, mentre per i gel igienizzanti per le mani gli aumenti hanno raggiunto il +650%. E anche Adusbef e Federconsumatori hanno protestato contro la “speculazione odiosa” che ha portato a un “aumento irresponsabile” dei prezzi di questi prodotti. Federconsumatori ha anche segnalato la situazione all’Antitrust. Il virologo Roberto Burioni aveva già spiegato “Se non trovate i gel antibatterici, non comprate quelli su Amazon a 400 euro, va bene anche l’alcol denaturato comune“. 

condividi su: