a cura di Mattia Esposito

Febbraio 2018

CALCIO A 5

FORZAQUATTRO!

calcio a 5

Real a forza quattro. Il momento in casa Real Rieti è di quelli da sorriso stampato sulle labbra: quattro vittorie consecutive in campionato, avanti in Coppa Divisione e playoff decisamente più vicini. Questa onda positiva però si interrompe forzatamente, perché per il prossimo mese il campionato di serie A di calcio a 5 sarà fermo. In Slovenia ci sono infatti i campionati europei, con il "reatino" Sergio Romano che farà parte della spedizione azzurra. La regular season ripartirà il prossimo 16 febbraio in un match assolutamente da non sbagliare, quello contro l'Italservice Pesaro al PalaMalfatti di Rieti. I marchigiani sono tre punti sotto gli amarantocelesti e rappresentano forse l'ultimo vero scoglio verso i playoff, che potrebbero considerarsi archiviati in caso di successo.
La finestra di mercato invernale ha portato ad alcune variazioni in rosa: su tutte spicca la partenza di Jesulito, sostituito però da ben quattro giocatori. Il forte laterale spagnolo si è accasato alla Luparense, squadra campione d'Italia in carica, ma a rimpinguare la rosa a disposizione di Massimiliano Bellarte sono arrivate forze fresche. Proprio legato all'operazione Jesulito, dalla Luparense è arrivato l'esperto pivot Betao, insieme al portoghese Paulinho e agli italiani Angelo Schininà (ex Kaos) e Sergio Romano, che invece ha iniziato questa stagione a Pescara. Un mercato che, a conti fatti, ha allungato le rotazioni a disposizione del tecnico pugliese, rendendo il Real una delle squadre più complete del campionato.
Proprio da questo contesto è nata la striscia di vittorie che ha contribuito a riaddrizzare una stagione partita con l'eliminazione dalle magnifiche otto che si giocheranno la Coppa Italia a marzo. La sosta sarà utile per cementare il gruppo, recuperare qualche acciaccato e proiettarsi al meglio verso lo scontro diretto con Pesaro e la fase finale della Coppa Divisione, con la speranza che, a distanza di due anni, Rieti possa ritrovare i playoff dopo quella indimenticabile finale scudetto.

condividi su: