a cura di Diego Petroni

Aprile 2019

CALCIO

FORZA RIETI!

calcio

(di Riccardo Di Genova) A quasi tre mesi dall’arrivo di Mister Capuano il “nuovo” Rieti raccoglie i frutti di un lavoro serio, intenso e soprattutto redditizio, e conquista il terzo successo consecutivo casalingo, battendo una Reggina che appena una settimana prima aveva macinato niente po’ po’ di meno che il Catania. Con questi ulteriori 3 punti (ben 10, nelle ultime 5 partite), gli amarantocelesti prendono un altro piccolo vantaggio sulle avversarie Bisceglie e soprattutto sulla Paganese, anche se incombe sulla società reatina lo spettro di un’altra penalizzazione di 2 punti dovuta all’ennesima “pecca formale” della precedente gestione, che rappresenta la ciliegina sulla torta di una gestione scriteriata, rivelatasi più devastante di uno tsunami. Il nuovo Rieti, lottando contro tutto e tutti, ha saputo invertire in modo decisivo la rotta e sta viaggiando verso la conquista della salvezza diretta grazie al lavoro di un tecnico di categoria, capace di forgiare rapidamente una Squadra che ha fatto presto dimenticare l’armata Brancaleone del girone d’andata contro la quale tutti gli avversari andavano regolarmente a nozze. L’approccio al “campionato nel campionato”, da parte del nuovo Rieti è certamente in controtendenza a quanto accaduto fino all’Epifania; giusto il tempo di archiviare due sconfitte “fisiologiche” incassate a pochi gironi dalla rivoluzione tattico-organica e poi, grazie a un lavoro certosino, costante e dalla massima intensità, ecco i veri frutti concreti: un salto di qualità nel gioco e nei risultati e, quindi, una classifica non più catastrofica come era stata lasciata a fine anno, il tutto culminato con prestazioni di massima qualità al cospetto delle più blasonate Viterbese, Potenza, Catanzaro, Juve Stabia e Reggina (capaci di infliggerci all’andata 4 sconfitte con un sonoro 14-5 complessivo), che hanno portato 3 vittorie, 1 pari e una sconfitta a Potenza (solo all’87’),per un saldo reti complessivo di 4-2! Se nelle prime 19 partite della stagione il Rieti aveva collezionato il 63% di sconfitte, segnando 1,05 gol a partita, ma subendone 1,6 vestendo i panni di una vittima sacrificale praticamente ogni domenica, il nuovo corso ci parla di una “gruppo” compatto, uno spogliatoio unito, una consapevolezza sempre crescente nei propri mezzi. Dall’arrivo di Mister Capuano, la difesa ha dimezzato la propria permeabilità: soltanto 9 reti subite in 11 partite (media 0,8) e per ben 5 volte la porta è rimasta inviolata, a fronte di meno reti segnate (media 0,7) - vero - ma reti molto più “pesanti”, come dimostrano i tre 1-0 colti, contro Viterbese, Catanzaro e Reggina. Squadra più aggressiva ed ermetica, dunque, e ottimizzazione della manovra d’attacco, se si pensa che da un valore di 0,95 punti per gol realizzati all’andata, si è passati a 1,87! Ultimo dato, non certo di poco conto, è il notevole incremento di presenze sugli spalti dove, finalmente, si torna a sorridere. A 6 partite dal termine la lotta è certamente ancora aperta, ma con queste premesse è lecito pensare al raggiungimento dell’obiettivo entro poco tempo: ora tre scontri diretti, tutti in trasferta, ma siamo più che certi che questi ragazzi continueranno a crescere e a dare tutto sul campo, per regalare ai propri tifosi una vera e propria impresa. Forza Rieti!

condividi su: