Agosto 2019

EVENTI E MANIFESTAZIONI

FIERA MONDIALE DEL PEPERONCINO,"RISULTATO POSITIVO"

Indotto da 2,5 mln: alberghi e ristoranti pieni

manifestazioni

(di Simone Vulpiani) Per fare il punto su quanto fatto di buono in questa nona edizione della "Fiera Campionaria Mondiale del Peperoncino" stamane si è svolta un'interessante conferenza stampa a cui hanno partecipato tutti i protagonisti della manifestazione, dalle associazioni per passare agli esponenti del Comune. Una realtà ormai consolidata quella della fiera che sta divenendo tradizione di un capoluogo che proprio grazie a questa manifestazione torna a vivere ed a mostrare la sua parte più vivace ed attrattiva. Tanti infatti sono stati i visitatori e turisti anche stranieri che hanno affollato le vie del centro oltre ai reatini che hanno risposto 'presente', nonostante il maltempo di inizio settembre.

"Un risultato di cui andare fieri, con decine di espositori da ogni parte d'Italia e la presenza di diverse ambasciate che hanno sicuramente aumentato il prestigio della manifestazione - a dirlo Livio Rositani, presidente dell'associazione che organizza la Fiera - grande presenza di avventori che per quattro giorni ha fatto sentire Rieti una città importante, devo ringraziare per questo tutte le realtà che hanno collaborato per la riuscita e il Comune stesso che da sempre ha creduto nel progetto oltre alla Confcommercio che anche negli anni più bui è stata accanto agli organizzatori dando il suo vitale contributo. Vedere le vie e soprattutto le strutture ricettive piene non può che riempirmi di gioia. Il prossimo anno sarà la decima edizione e dovremo farci trovare pronti,la novità che posso già preannunciare è che si svolgerà nel mese di Luglio per ovviare al maltempo che a fine agosto a Rieti è sempre in agguato."

Anche il vicesindaco Sinibaldi ha voluto sottolineare l'importanza che questo evento rappresenta ai fini sia turistici che prettamente economici per la città ribadendo come sia straordinario che per quattro giorni una città di 50mila abitanti diventi centro di dibattiti ed interesse mediatico e politico. "Un indotto da 2,5 mln non è cosa da sottovalutare e sicuramente il lavoro svolto da tutti i protagonisti incrementa il risultato non solo economico ma anche a livello turistico. Gli alberghi sono stati presi d'assalto ed anche i ristoranti hanno avuto il loro introito. Non si tratta di soddisfare un semplice tornaconto personale ma anzi avere in città manifestazioni di questo calibro può solo che far bene a tutta la cittadinanza che risulta rivitalizzata in tutte le sue dinamiche. Tra i prossimi obiettivi, abbiamo quello di sostenere l’avvio di laboratori, imprese e reti che potranno lavorare il peperoncino locale, il ‘Sabino’ " ha anticipato il presidente di Confcommercio Leonardo Tosti.

“Si tratta di un risultato da celebrare e di un’edizione da incorniciare – ha concluso il Presidente di Federalberghi Rieti, Michele Casadei – L’organizzazione è stata capace di proiettare, non solo la manifestazione ma l’intera immagine del territorio fuori dai confini provinciali. Come operatori ringraziamo gli organizzatori per aver dimostrato che si possono avere grandi eventi che generano turismo, tanto che nei giorni della Fiera abbiamo registrato in Città un indice di occupazione altissimo, oltre il 90%. Molti che non hanno trovato camere a Rieti hanno scelto di soggiornare nei dintorni, a partire dal Terminillo, permettendo di far conoscere e promuovere altre porzioni del nostro splendido territorio”.
Un bilancio più che positivo quindi per una manifestazione che ha fatto respirare un'aria nuova a tutta la città. Nel corso della conferenza stampa sono stati forniti alcuni dati circa la copertura mediatica dell’evento. Ottimi quelli dei social network: Facebook, Instagram, Twitter. Soltanto nel mese di agosto, su Facebook si è avuto una copertura media di 8.000 utenti e picchi, e nei giorni dell’evento, che hanno oscillato tra i 21.000 e i 31.000 contatti. Il sito internet della manifestazione – www.fieramondialedelpeperoncino.com – ha ottenuto circa 34.000 visite. Sono state, infine, circa 270 le pubblicazioni tra media locali e nazionali (giornali, web e tv).

Nel corso dell’evento gli organizzatori hanno annunciato che l’edizione 2020, quella del decennale, registrerà un’ulteriore crescita e verrà anticipata, con tutta probabilità, nelle date del 29-30-31 luglio e 1-2 agosto.

Unico appunto di critica che è stato mosso da qualche astante in sala è stato quello di aver visto meno peperoncino e più street food rispetto alle altre edizioni. Per il resto nulla da obiettare vista la capacità della manifestazione in esame di ricreare in quei giorni un tessuto sociale compatto ed unito come a Rieti manca da tempo, forse troppo.

condividi su: