Febbraio 2019

TERMINILLO

FEDERCOM "DA PISCINA DEL TERMINILLO A ARENA PER SPETTACOLI E CONGRESSI"

sicurezza

Fu il neo presidente della Provincia di Rieti Mariano Calisse nell’incontro dedicato al futuro del Terminillo ad affrontare direttamente il tema “Un problema. Ci sono voluti 4 milioni di euro pubblici per una realizzazione che oggi è al 95% dei lavori. Ci chiediamo quale debba essere il futuro di questa struttura. Stiamo lavorando per una manifestazione d’interesse rivolta ad imprenditori che possano prenderla in gestione. Nei primi anni cercheremo di facilitare chi vorrà farlo, investendo”.  

Ed è di qualche giorno fa la messa in onda del servizio realizzato da “Striscia la Notizia” con il suo inviato Mister Neuro Charlie Gnocchi sulla montagna reatina per parlare della piscina della Valletta costruita e mai aperta, esempio di spreco da parte delle amministrazioni pubbliche. Dopo il quale, sempre il Presidente Calisse aveva commentato "E’ ovvio che io non senta il bisogno di puntualizzare nulla in quanto tutti conoscono la storia di questo lavoro che io ho trovato così: pensato male, progettato male e ancora da finire. Per senso di correttezza mi concentrerò a far terminare (entro maggio) i lavori, dopodiché proveremo a trovare qualcuno che abbia voglia di investirci sopra per completarla e/o riconvertirla! In questi pochi mesi sul Terminillo noi investendo poche migliaia di euro abbiamo riaperto 4km di piste da fondo che hanno avuto un buon successo...piccole differenze...."

Ora è la Federcom-Confartigianato Imprese Rieti a chiedere alla Provincia di individuare con urgenza una diversa destinazione dell’immobile. “Come operatori professionali dei settori della  Pubblicità, Comunicazione, Eventi e Spettacolo siamo fermamente convinti che l'Amministrazione proprietaria dell'immobile, difficilmente utilizzabile come impianto sportivo per molteplici motivi, potrebbe valutarne la sua riconversione in Arena polifunzionale per eventi, spettacoli e convegni, risolvendo il problema della “decennale incompiuta” e contemporaneamente dotando la località turistica e il territorio circostante, Rieti compresa, di uno spazio multiuso a destinazione culturale-convegnistica attualmente non esistente.

Con poche opere di riconversione e adeguamento, affidate a maestranze locali, la struttura potrebbe infatti diventare un polo convegnistico attrezzato, rispondente alle attuali normative di “safety & security” in ambito di eventi pubblici e di spettacolo (Decreto Gabrielli e s.m.i), rendendolo appetibile per gli organizzatori in virtù dei minori costi di allestimento e messa a norma della struttura.  Un’occasione per creare economia di sponda per tutte le attività ricettive del Terminillo, alberghi, ristoranti, bar, B&B ecc. mitigando l'alta stagionalità dell'afflusso di visitatori nella località.

Come Associazione professionale di settore, insieme a Confartigianato Imprese Rieti, siamo pronti a mettere a disposizione dell'Amministrazione Provinciale le professionalità delle nostre imprese associate per la predisposizione di un progetto di riconversione, integrando lo stesso con i programmi di rilancio del comprensorio montano che la Provincia, insieme ai Comuni interessati e alla Regione, sta già realizzando.

“Siamo un’associazione di nicchia - dichiara Giammaria D'Angeli Presidente Nazionale di FederCom – rappresentiamo infatti aziende di un particolare settore, oltretutto in grandissima crisi, afflitto da un altissimo tasso di abusivismo. Da tempo stiamo cercando con le Amministrazioni locali e con la Prefettura di Rieti soluzioni di regolarizzazione e applicazione delle molteplici norme vigenti nel nostro settore. Riteniamo che una struttura così predisposta potrebbe portare grande beneficio alla categoria, nonché posti di lavoro in occasione di eventi e manifestazioni. FederCom Nazionale ha già attivato da tempo ogni procedura e attività a supporto delle aziende reatine e sta già studiando le azioni da intraprendere a tutela delle imprese del territorio. Nei prossimi giorni richiederò un incontro con il Presidente Mariano Calisse per verificare l’eventuale interesse dell'Amministrazione Provinciale della nostra proposta e verificare eventuali possibilità di collaborazione con l'Ente.”

“Stiamo lavorando per il rilancio complessivo del Terminillo – ribadisce Maurizio Aluffi, Direttore di Confartigianato Imprese Rieti – l’idea di una riconversione di strutture incompiute e ormai superate è storicamente un nostro cavallo di battaglia. Più volte abbiamo espresso la contrarietà a nuove opere che generino ulteriore consumo del suolo, a vantaggio di azioni di recupero, di rigenerazione urbana, di efficientamento energetico e riconversione del patrimonio immobiliare esistente. Il ritrovato accoro tra i Comuni ricadenti del comprensorio del Terminillo e l’ente Provincia – conclude il Direttore di Confartigianato Imprese Rieti – potrebbe essere il punto di partenza di un progetto definitivo per il rilancio turistico di un’area dal valore naturalistico-ambientale senza eguali.”

 

condividi su: