a cura di Luigi Ricci

Dicembre 2017

BASKET

FAKE BUON NATALE

sport

In un luogo imprecisato e ben nascosto del Lazio un telefono satellitare squilla ripetutamente. Una vecchina arzilla, malgrado i secoli sulle spalle, saltella qua e la tra mucchi di carbone e calze di varie lunghezze e colori mentre si affretta a rispondere imprecando: Ariècco quer vecchio rompicojòni! Mai che se facesse sentì durante l’anno. Chiama solo ora, quànno jé serve, e mentre stò ancora ‘n ferie!

Quindi la Befana con grande affabilità risponde: A Babbo Nata’! E mmo’ che ca...volo rivòi? Tanto me chiami solo quànno te serve quarcheccòsa!

Babbo Natale: Ma cosa dici carissima? Era solo per sapere come stavi.

Befana: Aoh! E nùn ce provà! Tanto ‘o so che stai già sotto pressione perché er 25 è vicino e ‘ntanto vieni a ròmpe a me che c’ho ancora ‘n po’ de riposo prima der 6. Su ‘nnamo, nun me fa’ pérde tempo. Che tte risèrve? 

B.N.: Mamma mia che modi! Volevo sapere come andava il lavoro.

B.: Ho capito. Stai a aprì ‘e letterine e nun sai ‘ndo méttete le mani. Vero? Io ho data solo ‘na sbirciàta ma poi ho richiuso. Mèjo aspetta’ prima de remagnàmme er còre.

B.N.: Già. Visto che roba? Ogni anno sempre peggio!

B.: Nun m’oo dì, te prego. Già c’ho li capelli bbianchi e dde peggio nun so che mme po’ capita’.  

B.N.: Belli i tempi dei trenini, dei soldatini e del Lego.

B.: E le bambole e er servìzzio da cucina?

B.N.: Oggi invece un ragazzo ha scritto “visto che già ho il Rolex, voglio un kit da comunista come Fedez e J-Ax”.

B.: E io? Una m’ha chiesto telecamera e regia professionale per diventa’ influencer.

B.N.: Proprio come a me uno che vuole fare lo youtuber.

B.: E a me una ha scritto “quest’anno nella calza niente buste con le mance: accetto solo bitcoin”.

B.N.: E questo è niente. Un tale che si firma Kim chiede un propulsore per missili intercontinentali perché ha fretta di recapitare un regalino a un certo Donald negli U.S.A.

B.: Puro a me m’ha scritto ‘sto Donald. Prima ha chiesto se c’ho antenati de colore, àrabbi, messicani, cinesi, ma soprattutto nordcoreani: quelli jé devono stà pròpio sur ca... vabbè, ce sémo capiti no? Poi m’ha chiesto de venì a casa sua, tanto se trova facile, dice che è tutta bianca, perché dovémo scéje ‘n po’ de pensierini pe’ ll’amìchi sua: Vladimir, Hillary, che però nun è ‘a mòje der Pupone, poi a Baraccke e puro a ‘sto Kim che dici te. Se vòjono proprio bbene ‘sti ddue!

B.N.: Invece un tale Gian Piero vorrebbe una macchina del tempo che lo riporti a Milano al 13 Novembre, prima di un appuntamento con certi svedesi, perché vorrebbe cambiare qualcosa. Mah!

B.: E a mme ‘na certa Veronica prima m’ha chiesto che vorébbe trova’ nella carza ‘na sessantina de milioni de èuri e poi ha cominciato a ‘nzurta’ ‘n tale Sìrvio.

B.N.: Invece io ho un tale Matteo che credo faccia il sommeliér, perché parla spesso del Rosatellum. Sarà un vino? Dice che è indeciso sul regalo da fare a un certo Paolo e ha chiesto se si può aspettare almeno fino a dopo Pasqua per recapitarlo. Ma si può?

B.: Làssa pèrde. Questi li gestìmo c’aa mano destra legata dietro ‘a schiena. Il vero probblema so’ quell’antri.

B.N.: Già... quegli altri.

B.: Ecco, lo vedi? Lo sapevo ‘ndo volevi anna’ a para’! Ecco er motivo d’aa telefonata!! Li reatini!!!

B.N.: Già, proprio loro... maaa... la squadra come va?

B.: Come va? Li reatini direbbero “e mmo’ que tte ìco?”.

B.N.: Capisco... quante lettere? Più o meno?

B.: Le solite ddù/tremila: vòjono n’antro allenatore, ‘no straniero nòvo e se c’avànzano puro ‘n par de itajàni.

B.N.: Guarda: passino pure Kim, Donald, Gian Piero, Veronica, Matteo o chi ti pare. Ma coi reatini non so che fare!!!

B.: E a mme ‘o dichi? Io ce li ho puro a ddù passi!

  1. N.: E allora? Che si fa?

B.: E che volémo fa’? Se ‘nventàmo ‘na fake news!

  1. N.: Cioè?

B.: Ho già studiato tutto. Tu prima te fai ‘ddù pinte de bbìra, tanto le reggi. Poi dai ‘n po’ de biàda fermentata a le renne, quindi decolli co’ la slitta. Quànno la biada inìzzia a fa’ effetto e le renne perdono tenuta, tu provi a attera’ sul Raccordo Anulare in sbandata controllata e fai quàrche danno. A quer punto arìva ‘a stradale, te fa’ l’alcol test, te trova ‘positivo, in più hai maltrattato le bbestie e hai violato lo spàzzio aereo de Fiumicino, finisci su tutte ‘e notìzzie e te sbattono drènto pe’ ‘n po’. Poi siccome Babbo Natale è ‘ncensurato, co’ ‘n bravo avvocato dopo quàrche settimana esci pe’ bbona condotta. Tanto ‘e feste ormai so’ passate e bonanòtte a li reatìni.

B.N.: Niente male. E tu?

B.: Io me faccio trova’ ‘n po’ sballata da quàrche parte mentre fingo de fàmme le canne co’ la saggina d’aa scopa. Così me ritìreno ‘a licenza de volo e ho risòrto pure io.

B.N.: Sì ma... i regali chi li distribuisce?

B.: Tranquillo. C’ho già penzàto: giràmo tutta ‘a posta che c’arìva a Passo Corese e ce pènza Amazon.

B.N.: Diabolico! Beh che aspettiamo?

B.: Allora è annàta?

B.N.: Un momento... e Peppe?

B.: Trovàmoje ‘no sceicco pe’ appioppàje ‘a squadra.

B.N.: ...ho capito. Vado a dare la biada alle renne...

condividi su: