Dicembre 2018

ESPLOSIONE AUTOCISTERNA, PROCURA APRE FASCICOLO CONTRO IGNOTI

Si lavora perla messa in sicurezza dell'area

sicurezza

La Procura di Rieti ha aperto un fascicolo contro ignoti a seguito dell'accaduto del pomeriggio del 5 dicembre in un distributore all'altezza di Borgo Quinzio lungo la Salaria. Durante il rifornimento di gpl da parte di una autocisterna, sarebbe divampato un incendio che avrebbe richiamato immediatamente i primi soccorsi e attirato l'attenzione di Stefano Colasanti, vigile del fuoco che stava conducendo alla revisione a Monterotondo un mezzo di servizio. L'uomo sarebbe corso in aiuto ai suoi colleghi ma durante le operazioni di spegnimento, l'esplosione devastante lo avrebbe investito togliendogli la vita. Sembrerebbe invece che  la seconda vittima si fosse fermata con la sua auto in una via ad una decina di metri dalla pompa di benzina, quando sarebbe stata investita dalle fiamme della seconda deflagrazione che ha scaraventato l'autocisterna lontano dal distributore. Attualmente non ha ancora una identità.  La dinamica dell'incidente è però ancora poco chiara, occorreranno indagini per risalire alla ricostruzone puntuale dei fatti. Si pensa ora alle 18 personecoinvolte. Sono quasi tutti soccorritori, operatori del 118 o vigili del fuoco. Al Centro grandi ustioni dell’Ospedale Sant’Eugenio si trovano ricoverati in prognosi riservata 7 feriti . I pazienti hanno tutti ustioni tra il 35% e il 50% del corpo. La situazione più complicata è quella di una giovane paziente che oltre alle ustioni ha riportato un trauma da schiacciamento. Si lavora ancora in piena notte, sulla Salaria illuminata da fotocellule, per la messa in sicurezza dell'area del disastro. Il distributore è attualmente sotto sequestro. Simbolo di questa ennesima tragedia le carcasse carbonizzate dell'autocisterna, di un'autopompa dei vigili del fuoco e di un'automobile. Droni con telecamere termoelettriche sorvolano la zona per controllare la temperatura degli impianti. Ancora scossi gli abitanti della zona, allertati da un boato simile a quello del terremoto a cui  immediatamente hanno pensato.

condividi su: