Gennaio 2020

È ARRIVATO DAL PRIMO GENNAIO LO SCONTRINO ELETTRONICO

Dal primo gennaio, lo scontrino elettronico ha fatto il suo debutto ufficiale in tutti gli esercizi commerciali. Il provvedimento, inserito nel decreto legge collegato alla legge di Bilancio 2019, rientra essenzialmente nelle misure previste per combattere l’evasione fiscale e garantisce al fisco un controllo più diretto e immediato delle attività commerciali. 
La prima novità riguarda la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati direttamente all’Agenzia che sostituiscono gli obblighi di registrazione delle operazioni effettuate in ciascun giorno. Gli esercenti dovranno quindi sostituire o aggiornare i registratori di cassa investendo fra gli 800 e i 1000 euro, anche se per questo passaggio è previsto un contributo statale sotto forma di credito d’imposta pari al 50% della spesa, per un massimo di 250 euro in caso di acquisto e di 50 euro in caso di aggiornamento. Per i consumatori invece cambia molto poco, al momento degli acquisti il cliente non riceverà più lo scontrino cartaceo, ma un documento commerciale senza valore fiscale, che servirà come garanzia di acquisto e potrà essere usato anche nel caso di richiesta di cambio merce. Cambia anche il regime delle detrazioni fiscali, saranno riconosciute solo le detrazioni tracciabili, dunque le spese fatte con una carta di credito, con il bancomat, con un bonifico bancario o con un assegno “non trasferibile”. La regola riguarda tutte le detrazioni,   la palestra dei figli, le rette universitarie, l’affitto per gli studenti fuori sede, le erogazioni liberali, le spese funebri, quelle per il veterinario e naturalmente tutte quelle per le ristrutturazioni edilizie (che già devono essere tracciabili). Due le eccezioni alla regola dei pagamenti tracciabili,  l’obbligo non si applica relazione alle spese sostenute per:
– l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici,
– prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.

condividi su: