Marzo 2018

PROVINCIA

ARRESTATO DOPO UN LUNGO INSEGUIMENTO

Insieme ai suoi complici sarebbe responsabile dei furti in provincia

sicurezza

Una delle pattuglie impegnate nei servizi di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, formata da militari della stazione di Passo Corese, nel transitare all’interno dell’abitato della frazione Borgo Quinzio del comune di Fara in Sabina (RI), notava un’autovettura Lancia Lybra di colore scuro con targa italiana che si aggirava con fare sospetto ed i cui tre occupanti, alla vista dei Carabinieri apparivano alquanto allarmati. I militari, ricordavano perfettamente che analoga vettura era stata segnalata nei giorni precedenti al numero d’emergenza 112, da diversi cittadini della zona, allorquando si erano verificati alcuni furti in abitazione. All’alt l’auto non si fermava ed iniziava l’inseguimento coinvolgendo altre quattro pattuglie di Passo Corese, allertando anche il Comando di Monterotondo verso cui si d uscire di strada e collidere violentemente contro un muretto di recinzione nel Comune di Nerola. Gli occupanti abbandonavano il veicolo, ormai quasi completamente distrutto e si davano alla fuga a piedi nelle campagne circostanti. Raggiunti dai Carabinieri, dopo una breve colluttazione uno dei tre veniva bloccato e tratto in arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, identificato in seguito come un cittadino albanese incensurato del 1976.

Perquisito la Lancia Lybra dei malviventi, nel vano, all’interno di una borsa di colore scuro, venivano ritrovati tutti gli “attrezzi da lavoro”: un piede di porco, una mazzetta, grimaldelli, vari cacciaviti, guanti, berretti in lana e giubbotti per camuffarsi.

L’arrestato insieme ai suoi complici riusciti a dileguarsi, risultava fortemente sospettato di essere l’autore di altri furti avvenuti in Sabina e nella Provincia di Rieti nei mesi di febbraio e marzo 2018, fatti per i quali veniva denunciato all’autorià giudiziaria.

L’automezzo utilizzato dai malviventi veniva sottoposto a sequestro al fine di rinvenire eventuali ed ulteriori tracce utili all’identificazione dei complici, le cui ricerche proseguono incessantemente.

 

 

 

 

condividi su: